in

MotoGp, il papà del Sic “Marquez e Rossi sono stati fregati dall’istinto, io sto con Vale”

A portare un pò di chiarezza e di etica, nel grande polverone mediatico sollevato dallo scontro tra Valentino Rossi e Marc Marquez, durante il Gran Premio di Sepang, ci ha pensato Paolo Simoncelli. In un’intervista rilasciata a QN – Quotidiano Nazionale, il padre di Marco Simoncelli, scomparso quattro anni fa proprio sul circuito di Sepang, ha voluto riportare l’attenzione sui valori dello sport e sull’impatto che eventi come questi hanno sulle giovani generazioni.

Che effetto può aver avuto su un ragazzino che comincia a gareggiare in moto l’episodio di domenica tra Rossi e Marquez?“; una domanda, quella sollevata da Paolo Simoncelli che, forse, riporta tutti a concentrarsi sul reale significato della parola “sport”, troppo spesso accantonata per lasciare spazio ad interessi mediatici. Continua dicendo: “Non è stata una bella cosa, sicuro. Dopo di che, ripeto, io ai miei allievi dico di cogliere il buono, di apprezzare il talento, che fino all’attimo fatale è stato espresso dai contendenti”.

In merito al botta e risposta tra Rossi e Marquez, Simoncelli risponde: “A chi assegno la ragione e a chi il torto? Lasci stare. Ci sono già troppe speculazioni”. A proposito delle colpe commenta “Sa, l’istinto…nessun pilota è uguale all’altro. Ogni individuo ha meccanismi mentali suoi. Non si arriva a una situazione del genere se non ci sono precedenti che alimentano uno stato d’animo di rancore”. Per la prima volta, dunque, si è arriva a parlare di un concorso di colpa, equamente diviso tra i due piloti. Marquez ha provocato, e Rossi ha risposto. Alla fine, Paolo Simoncelli manda il suo augurio a Valentino, in vista del Gp di Valencia:”Spero che Vale ce la faccia comunque. Può rimontare. Almeno al quinto posto risale tranquillamente. E dopo chissà”.

Riforma pensioni 2015

Riforma pensioni 2016 ultime novità sull’Opzione donna: chi sono le possibili “escluse” e come stanno combattendo

messina 6 giorni senza acqua interviene fiorello

Messina senz’acqua da 5 giorni, l’appello social di Fiorello: “Intervenga il Governo”