in

Motor show, route tra cinema in piazza e motori a Bologna dal 16 luglio 2014

Cinema in piazza e motori vanno a braccetto nella grande rassegna “Route motor show”, promossa dalla Cineteca di Bologna e da Motor Show. Un’alleanza unica che costellerà di appuntamenti esclusivi la città di Bologna nei prossimi mesi, fino a culminare nel grande evento dedicato al mondo dell’automotive che anche quest’anno riempirà il quartiere fieristico dal 6 al 14 dicembre 2014.

eventi cinema e motori Bologna 2014

Ad inaugurare il percorso fatto di arte e passione, nonché di eccellenze del territorio, sarà il corto “Le Balet mecanique”, che verrà proiettato in Piazza Maggiore domani 16 luglio alle 21:45, con tanto di accompagnamento di orchestra dal vivo. Seguirà la proiezione del film di Roman Polanski “Weekend with a champion”, che narra i grandi cambiamenti che hanno interessato l’automobilismo, partendo dal ricordo di Jackie Stewart, che il regista ebbe modo di incontrare nel corso del Gran Premio di Montecarlo.

Il 15 agosto, inoltre, è in programma una nuova visione in piazza, a cui seguiranno a partire da settembre al cinema Lumière altre proiezioni a tema. Gli appuntamenti culmineranno nel Motor Show, con nove giorni di cinema e passione automobilistica che riempiranno un drive-in che riproduce fedelmente le versioni degli anni Cinquanta.

Come già anticipato da UrbanPost, quest’anno la rassegna dedicata all’auto, dopo un lungo braccio di ferro con la fiera milanese, torna a Bologna sotto il segno di un nuovo concept, volto a valorizzare il territorio e a coniugare cultura e innovazione.

 

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

broccoli contro l'inquinamento

Inquinamento: depurazione con i broccoli

Ischia Global Fest: Jessica Chastain premiata parla della “sua” Marilyn