in ,

Mps: piano industriale che taglia 2.600 dipendenti, si punta a una “maggiore efficienza”

Un nuovo piano industriale che punta all’efficienza anche tagliando il costo del personale: proprio ieri sera l’amministratore delegato Marco Morelli ha presentato al Consiglio di Amministrazione di Mps il programma che prevede di raggiungere nel 2019 “un utile netto superiore a 1,1 miliardi di euro”. Sempre ieri è stata convocata l’assemblea dei soci per il 24 novembre prossimo: come ordine del giorno una manovra che prevede un aumento del capitale fino a 5 miliardi.

Come puntare al raggiungimento dell’utile? Innanzitutto focalizzandosi su una “maggiore efficienza mediante la riduzione di circa 2.600 dipendenti”, ma anche sullo spostamento sempre maggiore dei restanti dipendenti alle attività commerciali e la chiusura di circa 500 filiali. In questo modo il costo del personale scenderà del 9%, passando da circa 1,6 miliardi di euro del 2016 a 1,5 miliardi di euro nel 2019.

Resi noti anche gli strumenti con cui si concretizzerà questa riduzione, ovvero il turnover naturale, prepensionamenti incentivati e l’attivazione del fondo di solidarietà.  Intanto in Borsa il titolo arriva a guadagnare il 10%, anche se viene fermato in asta di volatilità.

Ottimista il ceo Morelli: “Ci sentiamo tranquilli che questa operazione avrà buon fine. Vogliamo riavvicinarci alla nostra base clienti ed essere sicuri che Mps ridiventi una banca italiana commerciale solida ed efficiente. Nonostante quanto successo nel passato la banca resta molto solida”.

In apertura: Monte dei Paschi – Image Credits DV/Wikimedia Commons (This file is licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported license)

Seguici sul nostro canale Telegram

Pronostici Serie A

Pronostici Serie A calcio oggi, consigli scommesse 10a giornata

Inter-Torino probabili formazioni

Inter – Torino probabili formazioni e ultime notizie 10a Giornata Serie A