in ,

Multa da 2 mila euro dall’Ispettorato del lavoro: panettiere si suicida inalando gas di scarico

Il 2013 è stato un anno terribile per gli italiani, sono state 149 (60 in più rispetto al 2012) le persone che hanno deciso di togliersi la vita perché ormai incapaci di affrontare la crisi economica che, a tutt’oggi, attanaglia il Paese. E anche il 2014, purtroppo, è costellato da notizie di cronaca altrettanto funeste, come quella di oggi che giunge da Casalnuovo, in provincia di Napoli.Gas di scarico

Eduardo De Falco, piccolo imprenditore titolare di un panificio, disperato non ha retto al dolore per aver ricevuto una multa da 2 mila euro dall’Ispettorato del Lavoro e si è suicidato. Gli erano state riscontrate delle irregolarità relative alla gestione della sua attività commerciale e quindi la contravvenzione. Ma lui, che da tempo versava in gravissime condizioni economiche, incapace di trovare una soluzione ai suoi problemi, ha deciso di farla finita e suicidarsi. Così, dopo un periodo nero in cui gli affari gli andavano davvero male, il tragico epilogo di una storia comune, che sta diventando in Italia quella di tanti, troppi, lavoratori: togliersi la vita. Eduardo lo ha fatto sotto casa, all’interno della sua automobile, inalando i gas di scarico del motore.

Tutti nella sua città lo conoscevano come un bravo ragazzo, un gran lavoratore e adesso sono sgomenti per il suo gesto, e sempre più preoccupati per la situazione generale che colpisce ognuno di loro, ognuno di noi: “Siamo in una fase di disperazione totale, non riusciamo ad andare avanti”, hanno infatti commentato i suoi colleghi della zona.

 

Galatasaray Sports Club

Dalla Turchia un autogol insolito firmato da Ceyhun Gülselam (Video)

Si può rallentare il declino cognitivo?