in ,

Musei gratis Domenica 6 Marzo 2016: ecco cosa visitare per la #Domenicalmuseo

Torna puntuale Domenica 6 Marzo 2016 la #Domenicalmuseo, l’iniziativa promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo che prevede la possibilità di vistare gratis centinaia di musei italiani durante la prima domenica di ogni mese: ecco i siti da non perdere.

Anche per il 2016 il MiBACT ha previsto la gratuità di molti musei e siti archeologici italiani ogni prima Domenica del mese, ecco allora alcuni tra i migliori siti espositivi da visitare in queste giornate che sembrano essere un assaggio di primavera. Musei gratis dal Nord al Sud della Penisola e nelle maggiori città italiane: chi si trova a Venezia, potrà accedere gratuitamente alle Gallerie dell’Accademia così come al Museo d’arte orientale e al Museo Archeologico Nazionale. A Torino si potrà accedere gratuitamente al Castello duale di Agliè ma anche al Palazzo e all’Armeria Reale mentre, nella vicina Milano, si potrà visitare il Castello Sforzesco ma anche l’Acquario civico e le Gallerie D’Italia.

A Percorrendo verso sud la Penisola, a Bologna si potrà visitare la Pinacoteca Nazionale così come il Castello della Rocchetta Mattei a Grizzana Morandi e Museo Nazionale Etrusco “Pompeo Aria” nella vicina Marzabotto: a Firenze, in occasione della #Domenicalmuseo, sarà possibile entrare gratuitamente alla Galleria degli Uffizi ma anche alla Galleria d’Arte Moderna e al Giardino di Boboli. A Roma, invece, cittadini e turisti potranno visitare gratis il Colosseo ma anche il Foro Romano e Palatino e il Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo. A Napoli, infine, si potrà accedere agli Scavi di Ercolano così come a Castel Sant’Elmo. Per info e l’elenco completo dei beni aperti, www.beniculturali.it/domenicalmuseo.

pomeriggio 5 anticipazioni

Pomeriggio 5 anticipazioni puntata 4 marzo: caso Loris Stival, nonno interrogato dal pm

Riforma delle pensioni Roberto Simonetti

Riforma delle pensioni 2016 ultime novità: pensione anticipata e Quota 41 sono misure possibili per Roberto Simonetti, ecco come