in ,

Mutoid a Santarcangelo di Romagna: un appello per salvarli

“Mutoid must stay” è lo slogan che corre di bocca in bocca a Santarcangelo di Romagna. Perché qui, nella cittadina che ha dato i natali ad importanti artisti e ospita rassegne assolutamente sperimentali, nessuno vuole che la comunità inglese dei Mutoid, il collettivo di artisti del riciclo, tolga le tende.

Mutoid Santarcangelo

La Mutoid Waste Company è un gruppo di riciclatori originario di Londra che riutilizza i rifiuti urbani trasformandoli in opere d’arte. Flessibili, martelli e avvitatori sono gli strumenti grazie ai quali gli artisti d’oltre Manica donano una seconda vita a rifiuti di vario genere, come ferro, plastica, gomma, fibra di vetro. Il risultato? Sculture dal tocco inconfondibile, ma anche costumi per la moda e il cinema, installazioni, esposizioni, costruzioni per il teatro, parchi di divertimento.

A partire dal ’91 alcuni di loro hanno deciso di stanziarsi nel borgo riminese, formando una piccola “colonia” ed instaurando legami proficui con il territorio, tanto da collaborare con il Comune e tenere dei laboratori sulla creatività e sul riciclo nelle scuole locali. Ma poi nel corso di un sopralluogo avvenuto lo scorso dicembre era emerso come molte delle strutture presenti nel campo (che è su terreno demaniale) erano abusive. Fino ad arrivare al rischio di subire lo sfratto dai terreni concessi dall’amministrazione e all’ordinanza di demolizione.

I Santarcangiolesi, comunque, sono dalla loro parte. Dei manifesti “Mutoid must stay” sono tappezzati quasi tutti i negozi e i locali del centro e i Mutoid già a luglio erano riusciti a raccogliere più di duemila firme in piazza. Nel frattempo l’avvocato della comunità presenterà un ricorso al Tar per bloccare l’ordinanza di sgombero.

Seguici sul nostro canale Telegram

myrta merlino

L’aria che tira: da Livia Turco alla lite fra Flavio Tosi e Lara Comi

The Monuments Men

The Monuments Men: ecco l’atteso trailer su un episodio realmente accaduto (Video)