in

Nancy Brilli rivela: «Ho subito molestie da un produttore, ma ho avuto la forza di alzarmi e andarmene!»

Dopo Claudia Pandolfi, anche l’attrice Nancy Brilli denuncia di essere stata vittima di molestie. L’attrice 54enne, da anni testimonial del Telefono Rosa, ha rilasciato un’intervista al giornale Famiglia Cristiana proprio in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, un evento che vuole abbattere i muri dell’omertà, degli abusi e del terrore di denunciare.

leggi anche l’articolo —> Claudia Pandolfi rivela: «A 16 anni fui molestata durante un provino, mi chiese di spogliarmi!»

L’attrice romana non ha mai sopportato le forme di violenza sui più deboli: «Per carattere non tollero i soprusi, e la violenza del maschile sul femminile mi fa letteralmente impazzire». Nancy Brilli ha raccontato di non essere fortunatamente mai stata vittima di violenza sessuale, ma di aver subito molestie da parte di un produttore, di cui non ha voluto rivelare il nome: «Violenza, grazie a Dio, non ne ho mai subita. Molestie sì, ma ho avuto la forza di alzarmi e andarmene!». Il coraggio di dire di no non pensate che le sia costato poco, l’attrice ha raccontato, infatti, che quell’episodio l’ha segnata particolarmente. Ripensandoci oggi Nancy Brilli prova ancora tanta amarezza: «È stato umiliante e mi ha fatto così rabbia. Un produttore di fronte al mio rifiuto delle sue avances, davvero volgari, non mi ha fatto più lavorare con lui!».

Nonostante non ci sia stata violenza di tipo fisico è evidente che tale abuso di potere da parte di certi personaggi del mondo dello spettacolo, ma più in generale di quello del lavoro in genere, sia una consuetudine purtroppo radicata ancora oggi. Il consiglio resta sempre quello di denunciare e di chiedere aiuto. Alla fine dell’intervista l’attrice ha voluto puntualizzare: «C’è il vizio di pensare che questi fenomeni siano relegati alle classi sociali più basse, e invece ci sono anche molti manager che alzano le mani perché spesso nella coppia manca la complementarietà e a un certo punto inizia una lotta di potere, legata al possesso e alla violenza». Ma l’amore non è possesso, mai.

 

Lutto a “La vita in diretta”, il ricordo commosso dei colleghi: “Riposa in pace, Giorgio”

Gessica Lattuca Favara: “E’ morta”, ipotesi scioccante dell’avvocato Cusumano