in

Naomi Campbell condannata a 6 mesi di carcere: ecco il motivo

Naomi Campbell torna ad avere guai con la giustizia: la super modella è stata condannata a sei mesi di carcere, per l’aggressione ad un fotografo avvenuta il 5 agosto 2009. La Campbell all’epoca dei fatti stava trascorrendo con l’allora compagno Vladimir Doronin una vacanza a Lipari, quando il malcapitato fotografo Gaetano Di Giovanni la immortalò per le vie del centro.

La reazione della “Venere nera” fu spropositata ed esagerata oltre ogni limite: Naomi infatti aggredì a colpi di borsetta il paparazzo, graffiandogli persino un occhio. Di Giovanni fini così in ospedale, querelando la diva per l’accaduto, salvo poi accettare una ritrattazione dell’accusa dopo aver raggiunto un accordo con i legali della modella. Tuttavia il tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto ha ritenuto necessario proseguire nell’iter giudiziario per il reato di lesioni, considerato aggravato, nonostante la remissione della querela.

Naomi tuttavia non è nuova a simili scatti d’ira che, al contrario, l’hanno resa famosa sulle passerelle di tutto il mondo e non solo. Appena qualche mese fa nel backstage delle sfilate parigine la Campbell era stata protagonista di una “scazzottata” con la collega ed ex amica Cara Delevigne. Nel 2006 fu arrestata dopo la denuncia della colf, colpita alla testa con un telefono dalla top model, mentre qualche anno più tardi fece scalpore il caso dell’amica Yvonne Sciò, che accusò la Campbell di averla picchiata.

Potenza Calcio

Nizza – Napoli: tensione fuori allo stadio, scontri con la polizia

Ultime notizie calciomercato Lazio, Tare: “Siamo al completo”