in

Napoli fermato migrante del Gambia: è accusato di legami con terrorismo islamico

Napoli allarme terrorismo: un migrante del Gambia è stato fermato a Napoli con l’accusa di avere legami con il terrorismo di matrice islamica. Secondo le prime indiscrezioni trapelate, l’uomo aveva chiesto asilo politico ma la sua pratica era ancora in fase di valutazione. Le manette sono scattate all’alba di oggi, giovedì 26 aprile, nel corso di un’operazione antiterrorismo condotta dalla Digos e dal Ros. Dalla indagini della Procura sarebbe emersa la pianificazione di un attentato terroristico da parte dell’indagato. Il reato ipotizzato contro l’uomo è quello di terrorismo internazionale di matrice islamica.

Potrebbe interessarti anche: Mario Bozzoli news: trovata felpa indossata la sera della scomparsa, era in un luogo molto sospetto

Quella odierna è l’ennesima operazione antiterrorismo dopo quelle svoltesi nelle ultime settimane e culminate con le espulsioni di soggetti sospettati di legami con l’Isis. Sono 32 dall’inzio del 2018. Segnalazioni su possibili attacchi arrivano in continuazione e vengono esaminate dal Comitato di analisi strategica antiterrorismo (Casa). Il livello di allerta in Italia attualmente è al massimo, il 2. Quello successivo, il 3, scatta quando c’è un attentato in atto.

Meteo ponte primo maggio: sole e temporali, le previsioni per i prossimi 5 giorni

Banca dati Guardia di Finanza 2018

Concorso Guardia di Finanza 2018 allievi: bando in arrivo a maggio, 380 posti disponibili (GUIDA COMPLETA)