in

Napoli, faida della droga al rione Traiano: sgominato il clan Cutolo, 21 arresti

Napoli, zona rione Traiano, è stato sgominato il clan Cutolo. I carabinieri della compagnia di Napoli Bagnoli hanno proceduto all’arresto di 21 persone. A dare il via all’operazione è stata la conclusione di una lunga indagine che ha finalmente dimostrato l’operatività del clan Cutolo.

clan cutolo traiano

leggi anche: Bergamo, incidente mortale sulla Brebemi: una vittima

Le indagini sul clan Cutolo

La zona di rione Traiano è da sempre oggetto delle mire della Camorra. Il GIP del tribunale di Napoli teneva la zona sotto controllo da diverso tempo. Le indagini hanno portato alla luce le attività criminali del clan Cutolo. Tra le 21 persone arrestate troviamo diversi soggetti già condannati:  16 dei quali sottoposti alla misura della custodia in carcere e cinque alla misura degli arresti domiciliari. Tutti i personaggi del clan Cutolo sono ritenuti responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, di associazione finalizzata a delitti in materia di sostanze stupefacenti, di tentato omicidio e di delitti in materia di armi.

L’indagine del Gip ricostruisce la faida tra due clan: Puccinelli e Cutolo. All’interno dell’indagine vengono riconosciuti dei periodi di pacifica coesistenza dei due clan, all’alternarsi di periodi di violenta contrapposizione. Il clan Cutolo è egemone nella parte bassa del rione Traiano, mentre il clan Puccinelli opera nella parte alta.

clan cutolo traiano

leggi anche: Palermo, professoressa sospesa torna a scuola: «Ai ragazzi insegnerò a non essere indifferenti!»

Clan Cutolo: arresti e sequestri

I Carabinieri, nel corso delle indagini, hanno sequestrato numerose armi (fucili, pistole e oltre un migliaio di proiettili) e sostanze stupefacenti (del tipo cocaina, hashish e marijuana) per un peso complessivo pari a circa 30 kg.

I Carabinieri, inoltre, hanno arrestato in flagranza 45 persone. Tra i criminali arrestati vi sono anche due esponenti di rango del clan Cutolo. I due sono accusati di aver tentato di uccidere un soggetto perché ritenuto appartenente al clan Marfella, operante in pianura e avverso al clan Cutolo. (foto di repertorio)

Genitori muoiono per overdose, bimba di sei mesi resta tre giorni accanto ai loro corpi

L’Oreal offerte di lavoro: nuove assunzioni a tempo indeterminato e stage in Italia, come candidarsi