in

Napoli: tensione Insigne-Callejon, simbolo di un’annata paradossale

Chi ha giocato a calcio lo sa: quello che succede in campo, rimane in campo. Se però si parla di professionisti le cose si complicano. Lorenzo Insigne e Josè Maria Callejon sono stati protagonisti di un litigio durante il pareggio del loro Napoli a Udine. Motivo? Qualche gol sbagliato di troppo e un po’ di egoismo.

Napoli

I due trequartisti non se le sono mandate a dire sul campo e questa tensione è facilmente leggibile come specchio della paradossalità della stagione del Napoli. Record di vittorie in trasferta eguagliato (9), preliminari di Champions in tasca e una finale da giocare. Eppure, sotto il Vesuvio si respira l’aria di un anno buttato. Tutto inizia in inverno col l’eliminazione-beffa dalla Champions. 12 punti fatti, ma retrocessione in Europa League. E anche dalla seconda coppa continentale non sono arrivate buone notizie, con l’eliminazione contro il Porto mal digerita dai tifosi.

Intanto, in campionato Benitez viaggia con l’altalena: prestazioni funamboliche prima, sconfitte inaspettate poi. E poi ci sono la Juve che è un carrarmato inarrestabile e la Roma che ha sorpreso tutti. Alcuni giocatori che sono esplosi (tra i quali lo stesso Callejon) e altri che hanno deluso (Pandev, Hamsik e gli svizzeri). Cosa pensare di questo campionato del Napoli? Ne riparliamo dopo la finale di coppa Italia contro la Fiorentina del 3 maggio.

Genova: minacce ai padroni maleducati. Cani state attenti ai bocconi al veleno

caffe

Capsule caffè, come smaltirle? Mater – Bi propone quelle compostabili