in

Nasce NoosaLab, un acceleratore di imprese web

NoosaLab è stata creata da Raffaele Giovine, in passato fondatore di Zero9 e poi di start-up come Prezzo Felice, SosTariffe, Ovojo e MyBeautyBox. Per Giovine, dato lo scenario Italiano, è più proficuo concentrarsi sull’accelerare il business di un impresa che ha un modello di business testato e vincente piuttosto che assumersi il rischio di operare un’attività di incubazione. Anche perchè – come afferma Giovine – “ogni trend di successo è in realtà un onda da cavalcare rapidamente per non perderla, industrializzando i processi è possibile accorciare i tempi di start-up e quindi replicare più efficacemente modelli che hanno già provato la loro efficacia in altri mercati più maturi”.

raffaele giovine noosalab

E’ ovvio che è difficile vedere partire dall’Italia colossi internazionali come lo sono stati Google, Facebook o Linkedin. Il nostro paese ha però delle caratteristiche specifiche ed un tessuto industriale che può favorire determinati modelli di business. Ad esempio Ovojo, impresa lanciata da Sergio Bottari ed Andrea Milani, è un aggregatore di prodotti che permette a piccole imprese artigianali di avere una vetrina sui mercato globali. Un modello interessante che ha avuto successo in Giappone e che si adatta all’Italia, patria di piccole aziende del settore.

Anche Prezzo Felice, terza realtà attiva nel settore del couponing dopo i colossi Groupon e Groupalia, fa parte del network NoosaLab cosi come MyBeautyBox, un ecommerce specializzato nella cosmesi e SOSTariffe, un servizio che permette di confrontare e gestire i prezzi nel settore della telefonia, del credito, dell’energia e delle forniture di gas.
Giovine sottolinea come NoosaLab non sia altro che un network di start-upper che aiutano altri start-upper mettendo a disposizione risorse, logistica, competenza e conoscenza profonda del settore a livello internazionale. Il CFO di NoosaLab precisa come le possibilità di entrare nel network siano aperte a tutti ma che ovviamente i requisiti non siano sono legati al modello clonato ma ai numeri ed alle prospettive, le quali sono analizzate in modo freddo e distaccato con lo scopo di allocare le risorse in modo efficace.

Photo Credit: Hani Amir via Compfight cc

Start Upper ed esperto di imprese tecnologiche, 42 anni, laurea e master ottenuto in Gran Bretagna. Vive a Livorno ma viaggia spesso tra Milano e Torino.

Chi è Cecile Kyenge, il primo ministro di colore della storia italiana

Libertà di idee (e di inciuci)