in ,

Natale 2013, idee last minute per apparecchiare la tavola

Siete in crisi perché temete di fare brutta figura con gli invitati? Avete i minuti contati ma non volete deludere gli ospiti che hanno deciso di trascorrere il Natale da voi? Se non avete ancora deciso come apparecchiare la vostra tavola delle feste, questo è l’articolo che fa al caso vostro.

Natale 2013 tavola

Cominciamo dall’“abc” del galateo. Alla sinistra del piatto va posizionata la forchetta e alla destra il coltello, con la lama verso l’interno. Il cucchiaio va a destra del coltello, mentre il cucchiaino da dessert in alto, in senso orizzontale rispetto al piatto. Semplice, no?

Il tovagliolo dovrà essere rigorosamente in tessuto, legato da un semplice nastro colorato in raso: in questo modo sarà possibile aggiungere un bigliettino con il nome dell’invitato realizzando un grazioso segnaposto. Evitiamo di fare tovaglioli a forma di cigno o altre cose complicate: sarà perfetto semplicemente piegato a rettangolo o triangolo.

Lasciate qualche melograno sulla tavola: durante il pasto potrete condividere con gli invitati i preziosi chicchi del frutto che nell’antichità era considerato simbolo di fertilità e abbondanza. Una manciata di perline rosse potrà essere utilizzata come decorazione tra un piatto e l’altro e sparsa sul tavolo come passatempo divertente per i bambini, che potranno infilarle in un filo di nylon e portarle a casa.

Chi nei giorni precedenti non ha avuto tempo di realizzare una composizione di fiori come centrotavola, potrà crearne una last-minute utilizzando un piccolo albero di Natale circondato da candele. I più creativi incidano delle arance e le decorino con dei chiodi di garofano. Completando la decorazione con qualche frutto secco e alcune piante verdi, ecco a voi un centrotavola profumato che riscuoterà un enorme successo. Per dare un tocco di “freschezza”, appoggiate di fianco ad ogni piatto un fiore.

Non fate mancare sulla tavola delle feste le fiamme danzanti delle candele (scegliete quelle classiche bianche, che costano poco e non emanano cattivi odori una volta accese). Per impreziosirle, potrete inserirle dentro a tanti barattoli vuoti riciclati, riempiti per metà di mais o candido riso, oppure circondarle da una manciata di glitter per dare all’ambiente una luce nuova e scintillante. Chi vuole “esagerare”, posizioni ai due capotavola due bei candelabri.

Ed ecco qualche idea per il momento del dessert. Mettete il dolce scelto per concludere il pranzo vicino a una fonte di calore per farlo scaldare dolcemente. Il dolce potrà essere collocato al centro e circondato da un fascio di bacche rosse o lavanda profumata. Un tocco in più? I bastoncini pirotecnici da accendere all’ultimo e portare in tavola a luci spente.

Per lasciare un pensiero a ogni invitato, ritagliate una sagoma di cartoncino a forma di stella o di cuore da colorare con bagliori dorati e blu notte. Ognuno scriverà sul retro il proprio desiderio per il nuovo anno: una volta raccolti, potranno essere letti uno di seguito all’altro a voce alta come pensiero augurale per 2014.

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Alternative rock, ecco i 15 migliori album del 2013

Firenze Capodanno 2013

Capodanno 2014 a Firenze