in ,

Natale 2015 Milano, la fiera degli “Oh bej, Oh bej!”: dal 5 Dicembre al Castello Sforzesco

Com’è tradizione, torna anche quest’anno a Milano la Fiera degli “Oh bej! Oh Bej!”: dal 5 all’8 Dicembre, tanti stand Natalizi renderanno magici i dintorni del Castello Sforzesco.

La Fiera rappresenta una delle più antiche tradizioni del capoluogo lombardo tanto che si hanno prime tracce di questa ricorrenza già nel lontano 1288 quando si svolse, nella zona di Santa Maria Maggiore, una festa dedicata ad Ambrogio. L’origine della fiera così come la conosciamo oggi, risale però al 1510: in quell’anno il Papa incaricò il Gran Maestro dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro a fare tappa a Milano al fine di riaccendere la devozione dei cittadini verso i Santi. Complice anche la paura d’essere accolto in malo modo, all’uomo venne in mente di confezionare pacchetti contenenti dolciumi e giocattoli e distribuirli alla popolazione. I meneghini, neanche a dirlo, apprezzarono così tanto la festa che il 7 Dicembre di ogni anno – giorno dell’arrivo del Gran Maestro ma anche giornata in cui si celebra S.Ambrogio – tornarono ad organizzare una grande fiera in cui venivano venduti vecchi giocattoli, vestiti ma soprattutto cibo e dolciumi: tra questi, il più famoso è sicuramente il firòn o firunatt ovvero castagne affumicate al forno che, dopo essere state bagnate con il vino, vengono infilate in lunghi spaghi. Anche il nome della fiera è evocativo dell’avvento del Gran Maestro: “Oh Bej! Oh Bej!” significa infatti “Oh belli! Oh belli!”, espressione con cui i meneghini hanno accolto i doni.

Come succede oramai da molti anni, la location della Fiera si è spostata dalla zona circostante la Basilica di Sant’Ambrogio al Castello Sforzesco che quest’anno farà da sfondo a oltre 370 bancarelle tra rigattieri, artigiani, fioristi, giocattolai, venditori di dolciumi, fabbri e molto altro.

processo bossetti udienza 27 novembre

Caso Yara, nuova udienza processo Bossetti: alta tensione in Aula, ecco perché

coppia dell'acido processo bis

Coppia dell’acido processo bis: chiesti 20 anni di carcere per Martina Levato