in , ,

Natale 2016: 5 bufale a cui (forse) tutti crediamo

Natale 2016 è alle porte e, come spesso accade, anche attorno a questa festa si creano numerose bufale, dicerie inventate da ignoti che diventano nel tempo vere e proprie credenze popolari così radicate da diventare (quasi) impossibile estirparle. Ma quali sono le bufale più comuni sul Natale?

  1. Babbo Natale e la “manomissione” da parte di Coca Cola: da verde a rosso per colpa della celebre multinazionale americana? No! E’ tutta una bufala. Come si può leggere su Wikipedia, il fatto che Babbo Natale indossi abiti rossi ha radici molto più antiche della Coca Cola;
  2. I (tre) Re Magi: nonostante tutti sappiano anche i nomi dei tre Re Magi, nelle sacre scritture non si parla né di numero preciso né tanto meno dei nomi. La tradizione deriva dal far coincidere i 3 doni portati dai Re Magi – oro, incenso e mirra – con un presente portato singolarmente da una diversa persona: da lì, quindi, la credenza che fossero tre;
  3. Gesù è nato il 25 dicembre: no, la data scelta è solamente una convenzione. Nonostante nei testi sacri non vi sia alcuna data precisa, gli studiosi hanno provato a ricostruirla ma senza giungere ad un accordo definitivo. Ciò che è certo, però, è che Natale si festeggia il 25 dicembre poichè – nella stessa giornata – i pagani celebravano la nascita del Sole Invitto.

masterchef italia facebook

MasterChef Italia 6 streaming, anticipazioni e news: tutti pronti ai fornelli

omicidio chiara poggi news

Omicidio Chiara Poggi, Alberto stasi lettera a Le Iene: “Io innocente, in giro uno o più assassini”