in

Natale a Roma 2017: cosa vedere? Dai mercatini ai presepi artistici, tra luci e magia

Come sempre Natale è alle porte: che fare quindi? Rimanere a casa per trascorrere la classica festa in famiglia o concedersi un breve viaggio? Certo, magari non troppo lontano, dati i tempi “stretti”: Roma è la città più consigliata, perché in grado di emozionare e regalare qualche giorno all’insegna del relax e della cultura. Anche nel periodo natalizio l’Urbe può offrire mille spunti curiosi ed insoliti, oltre alle mete più richieste.

Infatti, il solo passeggiare per le strade del centro storico può essere un’esperienza nuova anche per chi conosce molto bene Roma o addirittura ci abita: molte luminarie in questo periodo rendono l’atmosfera più calda e accompagnano lo shopping natalizio, in particolare nella zona di Via del Corso, dove tradizionalmente già dall’8 dicembre vengono accese le luci con tanto di banda dei Carabinieri a far da contorno d’eccezione!

Ovviamente in questo periodo non possono mancare i due simboli tradizionali del Natale: l’albero ed il Presepe. E a Roma trovano sempre varie declinazioni, alcune davvero artistiche! Per prima cosa, bisogna sapere che nella Basilica di Santa Maria Maggiore è conservato, all’interno di una cappella, il Presepe più antico della città e forse di tutto il mondo, dopo quello realizzato a Greccio da San Francesco d’Assisi. Chi lo ideò fu Arnolfo di Cambio nel XIII secolo ed è oggi composto da otto statue in pietra che rappresentano il Bambin Gesù, Maria con Giuseppe, I Re Magi, il Bue e l’Asinello.

SCOPRI TUTTI I MERCATINI DI NATALE SU URBAN POST!

Immancabile è poi la visita alla mostra temporanea dei 100 Presepi, allestita nella Sala del Bramante, arrivata alla sua 41 edizione: un trionfo di tradizione ben mischiato con innovazione, fantasia ed un pizzico di follia, che ci lascerà meravigliati di fronte al Presepe con le palline da ping pong o quello fatto di cioccolata!

Per i veri appassionati del genere, non può però certo mancare la visita al museo permanente del presepe allestito nella Chiesa dei Santi Quirico e Giulitta, a pochi passi dai Fori Imperiali. Qui potrete ripercorrere tutta la storia di questa straordinaria arte centenaria, che affonda le radici nella cultura cristiana d’occidente.

Poco distante, all’interno della Basilica dei Santi Cosma e Damiano, si potrà poi ammirare un bell’esempio di Presepe napoletano del 1700, anche esso in mostra permanente! Tra gli altri presepi che devono essere visti quandi si visita Roma a Natale, vi sono certamente lo storico Presepe dei Netturbini, quello nella Basilica di Sant’Eustachio o in quella di Santa Maria in Ara Coeli e, dulcis in fundo, il più popolare di tutti: il presepe in piazza San Pietro, quest’anno allestito da Malta. Accanto, svetta quasi a voler competere con l’antico obelisco, il grande abete rosso, giunto a Roma dal comune di Scurelle, nella provincia autonoma di Trento e decorato dai bambini ricoverati negli ospedali pediatrici con l’ausilio della “Fondazione Lene Thun”.

Un altro albero da non perdere – anche solo per le numerose e recenti polemiche di cui a suo malgrado è stato protagonista – è quello di piazza Venezia, che seppur assai sobrio e forse non particolarmente attraente, resta il simbolo di una città che si avvolge del clima festivo.

Ovviamente Natale a Roma è anche sinonimo di mercatini, tra cui citiamo il RoMarket per chi ama le creazioni handmade ed il Villaggio dei Popoli dal gusto multietnico, entrambi allestiti al Guido Reni District (ex caserma Guido Reni); il Mercatino di Natale al Luneur Park affiancato da un vero e proprio Villaggio di Natale, immerso in un Giardino delle Meraviglie pieno di elfi, in grado di rappresentare appieno la magia del Natale; o ancora l’Arts And Crafts Market di Natale a Cinecittà giunto ormai alla sua 15° edizione e pieno di tantissime idee regalo artigianali. Anche quest’anno il grande assente è però quello in piazza Navona, dove restano solo giostrine, palloncini e zucchero filato per la gioia dei più piccoli!

Ma ovviamente la piazza in sé merita comunque una visita: pensate che qui si affaccia anche la chiesa da sempre considerata di Babbo Natale: è la Chiesa dei Lorenesi, dedicata a San Nicola di Myra, un vescovo del primo cristianesimo, assurto a protettore dei bambini di tutto il mondo. Da qui al moderno Santa Claus il passo è stato davvero breve, unendo così, almeno a Natale, il sogno con la realtà!

Autore: L’Asino d’Oro Associazione Culturale

Foto in apertura: presepio di Arnolfo di Cambio – Image Credits Stefano Bolognini/Wikimedia Commons (Questo file è licenziato in base ai termini della licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported)

Come candidarsi al concorso per assistenti giudiziari 2016

Concorso assistenti giudiziari 2016: bando in scadenza, cosa studiare e come prepararsi

Andrea Damante e Giulia De Lellis Instagram

Andrea Damante e Giulia De Lellis: tra gravidanza e Isola dei Famosi