in

Natalia Titova malattia chiarimento: «Ho letto certi titoli allarmistici»

«Sono nata con un piccolo problema al ginocchio, un osteomieloma, e mi era stata vietata attività sportiva di ogni tipo. Ho rischiato di perdere la gamba, sono stata dal dottore per due volte l’anno per 16 anni: mia mamma mi diceva sempre di non dirgli niente sul fatto che facessi sport e danza di ogni tipo!», con queste parole Natalia Titova, ospite al programma di Raiuno Vieni da me, ha parlato per la prima volta della sua malattia. A distanza di qualche giorno però l’insegnante di danza, nota per aver partecipato per anni a Ballando con le stelle, ha voluto chiarire la situazione e spiegare ai numerosi fan come sta realmente oggi.

«Ho letto certi titoli allarmistici», Natalia Titova chiarimenti sulla malattia

«Ho letto che molti giornali hanno dato ampio spazio al problema che ho fin da piccola, drammatizzando in maniera esagerata un tema tutt’altro che drammatico!», ha esordito sul suo profilo Instagram Natalia Titova, che ha poi voluto rassicurare i follower: «Vorrei tranquillizzarvi perché, appunto, l’osteomielite è un problema che ho da sempre, dal quale non si guarisce ma con il quale si convive tranquillamente e con il quale credo di aver dimostrato che si possano ottenere comunque ottimi risultati anche a livello agonistico!». La 45enne russa ha proseguito: «Ho spiegato chiaramente che ho smesso Ballando perché nella mia testa ero convinta che meglio di così non avrei potuto fare e che, come ho detto, è meglio fermarsi un’ora prima che dieci minuti dopo. Ho affermato che da lì in poi sarebbe stato sempre peggio, ma non mi riferivo alla malattia, ma alla qualità delle mie esibizioni, sia per il dolore al ginocchio che comunque ho sempre gestito, sia soprattutto per l’avanzare dell’età. La mia carriera però non si è conclusa lì!».

View this post on Instagram

Ringrazio @caterinabalivo per la bella intervista di ieri, è davvero una persona disponibile e una grande professionista che conosco e ammiro da tanto tempo! Ci siamo divertite a chiacchierare a ruota libera, affrontando mille argomenti. Abbiamo ripercorso la mia storia da bambina a oggi, toccando i vari aspetti della mia vita. Oggi ho letto che molti giornali hanno dato ampio spazio al problema che ho fin da piccola, drammatizzando in maniera esagerata un tema tutt’altro che drammatico. Vorrei tranquillizzarvi perché, appunto, l’osteomielite è un problema che ho da sempre, dal quale non si guarisce ma con il quale si convive tranquillamente e con il quale credo di aver dimostrato che si possano ottenere comunque ottimi risultati anche a livello agonistico. Ho spiegato chiaramente che ho smesso Ballando perché nella mia testa ero convinta che meglio di così non avrei potuto fare e che, come ho detto, è meglio fermarsi un’ora prima che dieci minuti dopo. Ho affermato che da lì in poi sarebbe stato sempre peggio, ma non mi riferivo alla malattia, ma alla qualità delle mie esibizioni, sia per il dolore al ginocchio che comunque ho sempre gestito, sia soprattutto per l’avanzare dell’età. La mia carriera però non si è conclusa lì. Sapete bene che da diversi anni sono professoressa di latino americano ad Amici e ho una scuola di ballo. Quindi non ho appeso del tutto le scarpette al chiodo e non escludo che di tanto in tanto possiate rivedermi sul palco, così come è successo poco tempo fa ad Amici Celebrities. Sto bene e sono felice, sia dal punto di vista lavorativo, sia dal punto di vista familiare. Vi prego, non esageriamo con certi titoli allarmistici, anche per rispetto di chi davvero soffre. Natalia

A post shared by Natalia Titova (@nataliatitovaofficial) on

«Non ho appeso del tutto le scarpette al chiodo!»

Non ha mai messo da parte la sua passione Natalia Titova: «Sapete bene che da diversi anni sono professoressa di latino americano ad Amici e ho una scuola di ballo. Quindi non ho appeso del tutto le scarpette al chiodo e non escludo che di tanto in tanto possiate rivedermi sul palco, così come è successo poco tempo fa ad Amici Celebrities. Sto bene e sono felice, sia dal punto di vista lavorativo, sia dal punto di vista familiare!». Poi l’affondo conclusivo: «Vi prego, non esageriamo con certi titoli allarmistici, anche per rispetto di chi davvero soffre!».

leggi anche l’articolo —> Natalia Titova malattia confessata a “Vieni da me”: «Ringrazierò i miei tutta la vita»

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Elisa Isoardi a “La prova del cuoco”, confessione in diretta: «Non lo avevo mai fatto così»

tampon tax bocciata

Tampon Tax: cosa succede dopo bocciatura emendamento Boldrini