in

Nato, opportunità di lavoro in Italia e all’estero: stipendi fino a 8000 euro

Vi piacerebbe lavorare alla Nato? No, non è impossibile. La nota organizzazione internazionale per la difesa cerca personale per assunzioni. Le posizioni aperte riguardano non solo la sede di Bruxelles, ma anche quelle situate nel resto d’Europa, tra cui le italiane La Spezia, Taranto e Roma, e negli Stati Uniti. Un’opportunità piuttosto importante, oltre che economicamente vantaggiosa: gli stipendi arrivano fino a 8.000 euro.

leggi anche l’articolo —> Netflix alla ricerca di personale: nuove offerte di lavoro in Europa

La North Atlantic Treaty Organization, in sigla NATO, ovvero l’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord, è un’alleanza politico militare internazionale. È stata istituita con il Patto Atlantico, firmato a Washington nel 1949, e come molti sapranno ha il suo quartier generale a Bruxelles. L’obiettivo è promuovere e garantire la collaborazione nel settore della difesa tra vari Paesi dell’Europa e del Nord America. Oggi la NATO conta 29 Stati membri, ma collabora anche con circa 40 Stati partner. La Nato lavora attraverso mezzi politici e militari per garantire la libertà e la sicurezza di tutti i suoi membri. Animata da spirito democratico, la Nato ha come unico scopo mantenere la pace. Quando purtroppo la diplomazia non basta, può intervenire militarmente per gestire le crisi, in virtù dell’Articolo 5 del Trattato di Washington, che sancisce il principio della difesa collettiva, secondo il quale se un Paese che fa parte della NATO viene attaccato è come se lo fossero anche tutti gli altri, oppure per mandato dell’ONU.

Le opportunità di lavoro della Nato sono rivolte in genere a candidati a vari livelli di carriera, da inserire nel personale civile o in quello militare. Le opportunità non mancano per i giovani, anche senza esperienza, per i quali vengono attivati, per lo più, tirocini. Previsti anche contratti con freelance: per esempio per coloro che lavorano come interpreti e traduttori. Vediamo però al momento quali sono le posizioni aperte e le figure professionali richieste: 

  • Principal Scientist Acoustics, Research Department – La Spezia
  • Journeyman Technician – Taranto
  • Staff Assistant (Admin) – Roma
  • Electronics Workshop Junior Technician, LD-123 – Capellen, Lussemburgo
  • Interpreter – Bruxelles, Belgio
  • Staff Assistant Graphics Technician – Brunssum, Paesi Bassi
  • Financial Controller – Ramstein, Germania
  • Engineer (Customer Relations Management) – Lisbona, Portogallo
  • Alayst (Principal Operational Research) – Monsanto, Portogallo
  • Engineer AirC2 L1DDN (Transmission) – Mons, Belgio
  • Assistant Civilian Personnel Administration – Brunssum, Paesi Bassi
  • System Engineer (CAX Planner) – Bydgoszcz, Polonia
  • Engineer (Battle Lab – Test Integration) – Bydgoszcz, Polonia
  • Enterprise Policy SME A-2 – Norfolk, VA, Stati Uniti
  • Operational C2 Capabilities Architect – Norfolk, VA, Stati Uniti
  • Cyberspace Federation & Partnership SME – Norfolk, VA, Stati Uniti
  • Staff Officer – Norfolk, VA, Stati Uniti

Chi volesse candidarsi e avere maggiori informazioni su ciascuna posizione lavorativa non deve fare altro che recarsi sul sito ufficiale della Nato. Il termine ultimo per proporsi varia a seconda dell’annuncio: si va dal 13 novembre al 10 dicembre.

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Amanda Lear rivelazioni hot: «Salvador Dalì? Era innamorato di me, ma era impotente, quindi …»

Scuola, Concorso straordinario infanzia e primaria, domande online: quando, dove e come presentarle