in

Nba risultati e highlights della notte: torna il re James, scivolone degli Spurs

Finalmente. Non siamo abituati a restare senza Nba per più di quattro giorni ma questo è il prezzo da pagare dopo un week-end di spettacolo con l’evento “All Star Game”. La palla a spicchi americana è tornata a rimbalzare questa notte con un programma risicato ma che ha visto impegnate formazioni come Cleveland e San Antonio. LeBron James e compagni, ad esempio, hanno annientato tra le mura amiche i rivali dei Chicago Bulls con un pesantissimo 106-95 e una prova, del numero 23, immensa frutto di 25 punti e 9 assist contro i 28 canestri di Rose. L’allungo decisivo si è registrato nel terzo periodo quando i Cavaliers hanno chiuso i dodici minuti con un parziale di 30-22, conquistando 8 punti decisivi ai fini della vittoria finale.

Nella notte Nba, invece, i San Antonio Spurs sono tornati a perdere lontano da casa: se è vero che i ragazzi di coach Popovich sul proprio parquet non fanno passare nessuno, altrettanto è vero che in trasferta i San Antonio non sempre riescono a esprimere un gioco a cui ci hanno abituato. E qualcosa di simile è accaduto al cospetto dei Los Angeles Clippers: 105-86 il finale per Chris Paul (28 punti) e compagni che hanno portato a casa tutti e quattro i periodi con parziali a dir poco imbarazzanti per Tony Parker (14 canestri) e team.

Chiudiamo il riepilogo della Nba con la vittoria di Washington, la ventiquattresima della stagione, contro gli Utah Jazz. Ottima la prova di Marcin Gortat, autore di 22 punti e 10 rimbalzi conquistati, oltre alla buona prestazione di Wall (11 assist): ingredienti che hanno consentito ai padroni di casa di stendere i Jazz per 103-89 e infliggere, così, la ventisettesima sconfitta della season agli Utah nonostante la buona prova di Hayward, autore di 19 punti.

omicidio giulio regeni ultime news

Giulio Regeni ucciso da agenti segreti dei Fratelli Musulmani? Procura Giza smentisce indiscrezione

Replica L'Ispettore coliandro

L’Ispettore Coliandro 5 stagione, puntata di stasera: autista per caso