in ,

‘Ndrangheta a Reggio Emilia e Crotone: 17 arresti anche grazie a Lea Garofalo

Dopo il funerale civile,  un nuovo piccolo riconoscimento per Lea Garofalo, testimone di giustizia barbaramente uccisa ormai da quasi 4 anni. Anche grazie alle sue testimonianze oggi la Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro ha chiuso una lunga inchiesta sulle cosche di ‘ndrangheta del crotonese, scoprendo i responsabili di omicidi, traffico di droga, estorsioni.

17 gli arresti operati dai Carabinieri del Comando provinciale di Crotone tra la città calabrese, Reggio Emilia, la Lombardia, il Piemonte e la Campania, segnale di una profonda e ormai storica ramificazione delle ‘ndrine di Cutro e Petilia Policastro, paese di origine di Lea.

L’inchiesta conclusa oggi ha svelato proprio il rapporto di alleanza-sudditanza della cosca petilina, scalata dai Comberiati in contrapposizione violenta con altre famiglie, con la potente cosca dei Grande Aracri di Cutro (ma ben ramificata a Reggio Emilia e dintorni), guidata dal boss carismatico Nicolino, attualmente detenuto. Anche il fratello di Lea, Floriano, fu ucciso nel 2005 nell’ambito della faida di Petilia Policastro.

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Hollywood: Voglia di ’80 o Sceneggiatori in Crisi?

Diretta Bayern Monaco-Arsenal dove vedere in tv e streaming

Real Madrid: le confessioni di Carlo Ancelotti