in ,

‘Ndrangheta: Gratteri e Nicaso raccontano il business della cocaina in “Oro bianco” [SPECIALE MAFIE]

Nicola Gratteri è un magistrato italiano, di origini calabre, procuratore aggiunto dal 2009 al tribunale di Reggio Calabria. Appena presa la qualifica necessaria per entrare nel mondo della giustizia si schiera in prima linea nella lotta contro la ’Ndrangheta,  e in breve diventa una delle personalità più attive nella lotta all’organizzazione criminale. Dal 1989 vive sotto scorta, come capita a chi osa fare la voce grossa e mette il naso dove non dovrebbe. Non per questo negli anni il suo impegno si è affievolito e dal 1 agosto 2014 è stato nominato dal governo Presidente della commissione per l’elaborazione di proposte normative in tema di lotta alle mafie. Suo amico, da anni, è il giornalista Antonio Nicaso, anche lui della Calabria: oltre che nel mondo dell’informazione è attivo come scrittore e consulente. Oggi vive e lavora in nord America. I due da tempo sono stretti in un rapporto professionale, che ha portato alla composizione di diversi libri sul tema della mafia calabra: si parla, tra tutti, di” Fratelli di sangue” e “Dire e non dire”. Opere di successo, storie crude, vere ed esemplificative della realtà criminale che affligge la loro regione.

L’ultima recente collaborazione ha prodotto “Oro Bianco”, edito da Mondadori. Il libro del viaggio internazionale di un prodotto che fa la fortuna della ‘Ndrangheta: la cocaina, appunto l’oro bianco della Mafia. Oggi nel 2015 si insiste molto su quanto certe organizzazioni di natura illecita mettono le mani su ciò che lecito è; zone di mercato come lo smaltimento di rifiuti, per esempio, da cui si ricavano milioni e milioni. La verità però è un’altra: l’impero delle Mafie si regge ancora molto sul business della cocaina. Nicaso e Gratteri vanno quindi un po’ controcorrente e scrivono un testo che potrebbe essere definito un atlante della droga più famosa in commercio. I capitoli del libro, infatti, sono divisi tra i vari Paesi in cui i due amici hanno indagato – anche a contatto con varie altre fonti investigative  – mettendo a nudo sconcertanti verità. Un libro per tappe: le tappe della droga e dell’immenso mercato che c’è dietro ad essa.

Oltre 300 miliardi di euro l’anno (secondo la stima dell’’Onu) è il giro d’affari mobilitato dalla cocaina: un giro d’affari in cui la ‘Ngrangheta  fa la sua parte da protagonista. E recita benissimo. Il punto di partenza è la Colombia e si arriva fino alla Calabria. In mezzo Bolivia, Perù, Argentina, Messico , Canada, Stati Uniti, poi Africa, Australia – il primo Paese per consumo di droga la mondo – fino in Germania, Austria, Portogallo, Spagna, Belgio e Olanda. Si racconta la storia della “polvere bianca”: dalla produzione, al trasporto per mare terra o aria, fino al consumo fatto dai 243 milioni di clienti nel mondo che sniffano (sempre secondo l’Onu). Il tutto attraverso interviste a chi quel mondo lo vive tutti i giorni ma non può far niente, ad esperti, giornalisti e forze di polizia. “Oro bianco” è il racconto di una verità tragica ma reale: gli emissari della ‘Ndrangheta  sono presenti dappertutto, dall’America latina fino all’Europa del nord. La ‘Ndrangheta ha le mani in pasta come pochi altri in uno sporco giro miliardario che chissà quante vite costa ogni anno. Far emergere una brutale verità, sensibilizzare a combattere una realtà sempre più silenziosa – tuttavia sempre più solida e potente –, esortare a non tenere la bocca chiusa: questo hanno fatto il magistrato e il giornalista.

 

matteo salvini bruxelles attacco terroristico

Riforma pensioni 2015 ultime novità: Matteo Salvini ed esodati insieme contro la legge Fornero, la Lega occupa il Parlamento

trovato disperso nel piacentino

Maltempo, dispersi nel Piacentino: trovato un corpo, forse è di Luigi Agnelli