in ,

Neonati in montagna o al mare? Come scegliere la meta per le vacanze estive 2016

Manca davvero pochissimo al pieno dell’estate e chi desidera andare via almeno qualche giorno senza spendere troppo deve cominciare a prenotare; la situazione però si complica nel caso in cui si abbia un neonato in casa perché si vuole fare la scelta migliore anche per le sue vacanze estive 2016: ci si deve recare in un posto adatto alla sua salute nonché attrezzato a sufficienza per ogni sua esigenza. Qual è la scelta migliore, una vacanza estiva con un neonato in montagna o al mare? Urban Donna – Mamma, come di consueto, vi suggerisce di chiedere consiglio al vostro pediatra per saperne di più in base all’età del neonato e alla sua situazione e coglie l’occasione per darvi qualche suggerimento per fare la scelta migliore.

Se la scelta per la vostra vacanza estiva 2016 dovesse cadere sulla montagna, è importante prestare attenzione a diversi fattori, in primis l’altitudine; i neonati in montagna sotto i 12 mesi infatti non dovrebbero salire oltre i 2000 metri e ad ogni modo sarebbe importante fare delle soste durante il viaggio in modo tale che l’organismo dei bimbi si abitui all’altitudine. Questo in particolare perché arrivati a 3.000 metri di quota c’è già una riduzione di ossigeno pari a un terzo rispetto al livello del mare. A quali bambini potrebbe essere sconsigliata la montagna? A più piccoli che soffrono in modo particolare di otite bisogna prestare attenzione perché l’altitudine potrebbe aumentare il disturbo. Tra i benefici della montagna certamente il fatto che le temperature più miti aiutano i neonati ad evitare il caldo soffocante delle città; hanno la possibilità di respirare aria pura durante le passeggiate ma bisogna prestare attenzione a proteggere i neonati in montagna dai raggi del sole con una crema protettiva adatta alla loro pelle e con gli occhiali da sole.

Se invece per le vostre vacanze estive 2016 avreste deciso di portare i vostri neonati al mare, certamente è un’ottima scelta ma bisognerebbe evitare i periodi più caldi e scegliere mete ventilate e ricche di vegetazione affinché si possa trovare facilmente dell’ombra. Inoltre è importantissimo evitare di tenere in spiaggia e al sole i bambini durante le ore più calde (dalle 12 alle 16 circa), periodo durante il quale è meglio farli riposare al fresco. Tra le altre raccomandazione c’è quella di usare protezioni solari adeguate alla pelle dei più piccoli (da spalmare diverse volte durante la giornata) come evitare che stiano per troppo tempo sotto il sole senza un copricapo. Da ultimo, ma non meno importante, far bere molto i neonati al mare poiché i più piccoli sono soggetti facilmente a rischio di disidratazione.

 

Credit Foto: Vitalii Bashkatov / Shutterstock

Pensioni 2017 news: Ape social e Quota 41, l'Inps invia le prime risposte

Riforma pensioni 2016 news oggi: flessibilità, in pensione anticipata dal prossimo anno, ecco chi potrà usufruirne

Inter Milan diretta live Serie A

Calciomercato news, Negredo: Inter e Milan se lo contendono