in ,

News, Berlusconi vende il Milan ai cinesi: Serie A sempre meno italiana

La conferma arriva direttamente da Palazzo Grazioli, per Silvio Berlusconi “la vendita del 75% della proprietà del Milan è cosa fatta”. Secondo quanto riporta AskaNews, mercoledì sera Berlusconi avrebbe chiarito la situazione incontrando i rappresentanti delle comunità italiane all’estero sottolineando che vanno ancora discussi alcuni dettagli e che, dunque, ci vorranno ancora alcuni mesi per chiudere la trattativa.

Dopo l’Inter ai filippini con Thohir, adesso il Milan va a finire ai cinesi, per una Serie A sempre più globalizzata. L’unica imposizione di Silvio alla Cina proprietaria sarebbe quella che la figlia, Barbara Berlusconi, conservi il suo ruolo di amministratore delegato all’interno della società milanese.

La spinta decisiva è arrivata direttamente dal Governo di Pechino che vuole diffondere e sviluppare il calcio in Cina: l’obbiettivo sarebbe quello di costruire un movimento calcistico importante e l’acquisizione del Milan, che è il club italiano più conosciuto in Cina, sarebbe una grande mossa per il proseguo di questo progetto. Nelle prossime 24 ore ci sarà un nuovo incontro tra Berlusconi e la delegazione cinese.

Roma agli americani, Inter agli indonesiani e Milan ai cinesi, per un Campionato italiano, che poi tanto più italiano non è.

Cagliari – Lazio: probabili formazioni e ultime news

Kenya, strage jihadista all’università: studenti presi in ostaggio, almeno 15 i morti