in ,

Niccolò Fabi “Una somma di piccole cose”, sorpresa per i fan: l’artista svela un inedito su Facebook

Nel mondo della comunicazione mediata in cui a essere protagonisti, ormai in modo inesorabile, sono i social network, Niccolò Fabi, cantautore italiano, ha scelto Facebook per presentare il suo ultimo lavoro discografico. Verso l’ora di pranzo, infatti, Fabi ha pubblicato sulla propria pagina social il video-clip del brano “Una somma di piccole cose.”

Una piacevole sorpresa per i fan del cantautore italiano reduce da una splendida esperienza con Max Gazzè e Daniele Silvestri e pronto, adesso, a pubblicare il suo ultimo album che porterà sul palco durante il tour 2016. “Eccomi, direi di iniziare a fare conoscenza cominciando dal principio. Dalla prima canzone del disco. Una somma di piccole cose inizia così, con un La maggiore. Prendo un respiro e spingo invia e… Buon viaggio.” Parole e musica di Niccolò Fabi sul proprio profilo personale e giù con il tasto “like” da parte dei fan a dir poco entusiasti per la splendida notizia.

Il nuovo disco di Fabi uscirà negli store a partire dal 18 aprile e “Una somma di piccole cose” è solamente l’antipasto di ciò che l’artista italiano ha elaborato nel corso degli ultimi mesi. Con queste nuove canzoni Fabi sarà in scena a partire dal 18 maggio con la “data zero” del suo tour 2016 ad Assisi prima di una serie di appuntamenti in fila: dal 21 maggio al 27 neanche un attimo di sosta con live a Napoli, Roma, una doppia tappa a Milano, Bologna e poi Torino. Chiuderà il 30 maggio al “Teatro Romano” di Verona per riprendere il percorso a luglio con Firenze (21 luglio), 23 a Lecce, 25 dello stesso mese a Palermo e poi il 29 a Pescara. I biglietti sono acquistabili sul portale “Ticketone” ed hanno un costo medio di 28 euro.

milano nega permesso ustica martinelli

Milano, negata Via Mercanti all’installazione in ricordo della strage di Ustica: “A noi no e al sottomarino dello spot sì”

omicidio luca varani ultime notizie

Omicidio Luca Varani, la sessuologa Rosa Maria Spina sul caso: “Tendenze violente e perverse in entrambi”