in ,

Nizza strage: quasi il 10% della popolazione ha origini italiane

Continua a salire il bilancio di morti e feriti e, malgrado il sole splenda su Nizza, la cittadina della Costa Azzurra che ha visto i natali di Giuseppe Garibaldi continua a rimanere spettrale. L’attentato terroristico di cui è stata vittima questa notte ha colpito nuovamente al cuore la Francia ma per la sua vicinanza e per un confine da sempre estremamente labile è come se l’attentato fosse stato fatto in Italia: quasi il 10% della popolazione nella circoscrizione di Nizza infatti è italiano.

Anche se non tutti risiedono stabilmente nella cittadina della Costa Azzurra, gli italiani sono i primi acquirenti di case nella zona, moltissimi sono i pendolari e ancora di più i turisti; per questo l’italiano è la seconda lingua più parlata nella zona e molti cognomi sono ancora italiani malgrado siano passati ben 220 anni dall’armistizio di Cherasco che tolse ogni diritto su Nizza all’allora Regno di Sardegna.

Lo stesso primo cittadino della bella Nizza, Christian Estrosi, è di origini italiane: il padre infatti fu a suo tempo immigrato in Francia. A fronte di ciò, malgrado con ragione si cerchi di capire se ci siano vittime italiane nella strage di Nizza di questa notte, dovremmo cominciare a pensare che ognuno di essi, italiano o francese che fosse sulla carta d’identità, è un nostro connazionale d’Europa.

FB

Aggiornamento strage Nizza Francia [foto]: ecco come funziona il Safety Check su Facebook

attentato a nizza italiani dispersi

Attentato a Nizza ultime notizie: ci sarebbe un italiano tra le 84 vittime