in ,

No a frutta e verdura vendute all’aperto, lo ha deciso la Cassazione

Una sentenza della Cassazione ha deciso di vietare ai commercianti l’esposizione e la vendita di frutta e verdura all’aperto, poiché i prodotti, esposti ai gas e all’inquinamento provocato dalle autovetture, vengono inevitabilmente venduti al cliente alterati nella loro qualità.Frutta e verdura vietate in strada

La decisione è arrivata con una sentenza del tribunale di Nola (Napoli) che ha inflitto un’ammenda a Bruno M., un fruttivendolo di Pomigliano d’Arco, “per aver detenuto per la vendita 3 cassette di verdure di vario tipo in cattivo stato di conservazione”. Esercitando la vendita dei suoi prodotti, seguendo una modalità che non è solo sua ma della quasi totalità dei fruttivendoli sparsi in tutta Italia, si è quindi reso colpevole di “aver messo in vendita merce in cattivo stato di conservazione, non certo perché si trattasse di prodotti avariati, ma perché quelle tre cassette di fruttada cui è scaturita la denuncia di un cliente – erano esposte all’aperto e, pertanto, a contatto con agenti atmosferici e gas di scarico dei veicoli in transito”, secondo quanto recita la sentenza. A niente, quindi, è servito l’appello del commerciante alla Suprema Corte per annullare la sentenza del Tribunale di Nola: i giudici, infatti, hanno rigettato il suo ricorso: “Il cattivo stato di conservazione dell’alimento – recita la sentenza della terza sezione penale – può assumere rilievo anche per il solo fatto dell’obiettivo insudiciamento della sola confezione, conseguente alla sua custodia in locali sporchi e quindi igienicamente inidonei alla conservazione”.

Quindi ormai è ufficiale: i commercianti che esporranno all’aperto frutta e verdura destinate alla vendita saranno passibili di multa, per violazione della legge 283/1962, in materia di “disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande”.

Anticipazioni Centovetrine mercoledì 12 febbraio: Fiamma e Jacopo vanno a vivere insieme

Anticipazioni Il segreto mercoledì 12 febbraio: il confronto tra Pepa e Soledad