in

No Tav, molotov in cantiere a Chiomonte: inchiesta per tentato omicidio

L’attentato della notte tra il 13 ed il 14 maggio al cantiere Tav di Chiomonte, condotto da ignoti armati di bottiglie molotov, ha portato all’apertura di un’inchiesta per danneggiamenti e tentato omicidio, dato che all’interno del cantiere gli operai erano regolarmente al lavoro.

No tav sgombero Chiomonte 29 Novembre 2012

Intanto proseguono le polemiche ed i messaggi inquietanti sull’accaduto. Gianluca Pittavino, uno dei leader di Askatasuna, centro sociale torinese da anni coinvolto sul fronte NO Tav, ha detto in un’intervista comparsa sull’Huffington Post «ciò che è successo la scorsa notte non mi è sembrato nulla di così grave».

L’esponente del centro sociale torinese ha comunque precisato che  la sua opinione non pretende di rappresentare tutte le anime del movimento ed ha poi commentato le parole del Ministro dell’Interno Alfano, che ieri aveva parlato di “volontà di uccidere” da parte degli autori dell’attentato. «Non penso sia giusto parlare di strategia – ha detto Pittavino – credo piuttosto che anche questo governo esprime la posizione di tutti i governi precedenti, commettendo l’errore di voler a tutti costi proseguire i lavori dell’alta velocità».

Nulla di particolarmente dirompente quindi. Molto più inquietante invece il messaggio comparso su un blog dell’area antagonista torinese e riguardante l’episodio di due notti fa. «Gli operai che lavorano al cantiere Tav di Chiomonte – si legge nel messaggio . hanno compiuto una scelta egoista che li mette fuori dalla comunità e li condanna a una difficile convivenza con il territorio».  Il quotidiano La Stampa, primo a riferirne, parla di un’indagine della Digos sullo scritto.

Certo, vale la pena ricordare la lunga scia di tensione che vede protagonisti gli oppositori all’opera e le forze dell’ordine. L’episodio della notte tra il 13 e 14 maggio è da condannare, così come l’utilizzo indiscriminato di lacrimogeni contro i manifestanti, visto più volte in Val Susa negli ultimi 2 anni.

Written by Andrea Paolo

46 anni, nato in provincia di Reggio Calabria, emigrato negli anni '80 al nord, è laureato in scienze politiche. Ha lavorato come ricercatore all'estero e studia da anni la criminalità organizzata. Per UrbanPost si occupa di news di cronaca e di gossip sui personaggi del mondo dello spettacolo.

jolie mastectomia

Angelina Jolie e la mastectomia, il padre Jon Voight all’oscuro di tutto

Calciomercato Santos: Neymar vestirà la maglia del Bayern Monaco?