in

Noa a Milano, concerto cancellato dopo dichiarazioni contro Israele

C’è chi cerca di gettare acqua sul fuoco, come le Adei-Wizo-Donne, associazione di ebree in Italia, che dicono che il concerto è stato cancellato per motivi di budget. Poi c’è chi invece dell’acqua, sul fuoco delle polemiche ci butta benzina. E’ il caso del manager italiano di Noa, il quale parla di ostruzionismo e boicottaggio nei confronti della cantante. Insomma: è polemica.

polemica noa

Questi i fatti: il 27 ottobre 2014 era prevista un concerto a Milano della cantante israeliana. Nei giorni scorsi, però, l’artista si è espressa in modo molto critico sul conflitto tra esercito e ribelli palestinesi nella striscia di Gaza. Queste le parole di Noa.

Ho incontrato Abu Mazen. Credo che il leader palestinese voglia davvero la pace con Israele. Lo stesso non posso dire per il mio premier”. Ricordiamo che la cantante è israeliana, dunque le sue parole sono in netto contrasto con la politica del suo Governo. La frase non sarebbe piaciuta a molti sponsor che avrebbero ritirato la propria offerta a sostegno del concerto milanese. Come detto, il gruppo delle donne ebree in Italia parla di problemi di budget, mentre il manager di Noa mostra una mail dove gli viene fatto sapere che la data a Milano prevista per il 27 ottobre è stata cancellata proprio per le dichiarazioni anti-israeliane della sua assistita. Nel frattempo, però, a conferma che le cose sono poco chiare, il fatto che molte altre date italiane dell’artista sonos tate confermate.

Italia leader europeo di cibo biologico

frase razzista

Carlo Tavecchio: dopo la frase a sfondo razzista, la presidenza FIGC è a rischio