in

Nobel per la chimica 2018, chi sono Frances Arnold, George Smith e Gregory Winter: biografia e curriculum

Premiata la scoperta dei «registi dell’evoluzione», come gli enzimi alla base di reazioni chimiche vitali, e con essa le numerose ricadute positive per tecnologie e processi di trasformazione amici dell’ambiente. Il premio Nobel 2018 per la Chimica è stato assegnato all’americana Frances H.Arnold, all’americano George P.Smith e al britannico Gregory P.Winter. Lo ha annunciato l’Accademia reale svedese delle Scienze, a Solna. Arnold ha condotto la prima evoluzione diretta degli enzimi, utilizzati per fabbricare dai biocarburanti ai prodotti farmaceutici. Smith ha sviluppato un metodo, conosciuto come “phage display”, che può essere usato per la produzione di nuove proteine. Il metodo è stato utilizzato da Winter per produrre nuovi farmaci.

Nobel per la chimica 2018, Frances Arnold: biografia e curriculum

Frances Arnold è nata il 25 luglio 1956. Cresciuta a Edgewood in un piccolo sobborgo di Pittsburgh, Pennsylvania, è figlia di un fisico nucleare, William Howard Arnold. Alle scuole superiori ha viaggiato in autostop per raggiungere Washington, dove per mantenersi lavorava come tassista e barista in un locale jazz, per unirsi alle proteste contro la guerra in Vietnam. Dopo aver studiato Ingegneria meccanica e aerospazionale alla Princeton University, nel 1985 ha conseguito il dottorato in Ingegneria chimica a Berekley, dove ha poi continuato le sue ricerche prima di spostarsi al California Institute of Technology (Caltech).

Leggi anche: Il curriculum completo di Frances Arnold, Nobel per la chimica 2018

Nobel per la chimica 2018, George Smith: biografia e curriculum

George P. Smith, II, è uno studioso e docente riconosciuto a livello internazionale e un professore emerito di diritto alla Columbus School of Law della Catholic University of America.  Nel 1996 la Columbus Law School ha selezionato il professor Smith come Marshall di classe. Questo riconoscimento per l’elevato riguardo in cui lo tenevano. In una ricca carriera di circa cinquanta anni nell’insegnamento e nel servizio pubblico – 39 anni dei quali trascorsi presso l’Università Cattolica – Smith si è ritirato dall’insegnamento attivo nel 2016. Dal 1977, ha insegnato corsi in Diritto della Proprietà, Uso del Territorio, Diritto Ambientale, Bioetica e diritto della sanità pubblica. La sua erudita carriera nel 1968 in materia di inseminazione artificiale e legge lo ha stabilito come precursore precoce nell’emergente campo della bioetica o del diritto, della scienza e della medicina. Oggi, il professor Smith continua la sua ricerca accademica e scrive nel campo dei diritti umani internazionali presso l’Institute of Advanced Study dell’Indiana Indiana come socio residenziale.

Leggi anche: Il curriculum completo di George Smith, Nobel per la chimica 2018

Nobel per la chimica 2018, Gregory Winter: biografia e curriculum

Greg Winter ha studiato Scienze Naturali e ha completato il dottorato all’Università di Cambridge. La sua carriera di ricercatore è stata basata quasi interamente presso l’LMB e il Centro MRC per l’ingegneria proteica (CPE). È diventato direttore del programma nel 1981, è stato capo-capo della divisione PNAC dal 1994-2006, vicedirettore della LMB dal 2006-2011 e vicedirettore della CPE dal 1990 fino alla sua chiusura nel 2010.

Leggi anche: Il curriculum completo di Gregory Winter, Nobel per la chimica 2018

“Caravaggio. Oltre la tela: la mostra immersiva” dal 6 ottobre al Museo della Permanente a Milano

Le Iene show anticipazioni 3 ottobre: torna Alessia Marcuzzi, ecco i servizi in onda