in ,

Nomi femminili italiani e francesi: corti, belli e particolari

Un bambina sta per entrare in famiglia e siete indecisi su che nome darle? Certamente la scelta del nome è una delle decisioni più importanti per dei neo genitori poiché quel nome accompagnerà la piccola in tutto il suo percorso di vita, rappresentandola e appartenendole. Per quel che riguarda la scelta del nome, sono molti i genitori che scelgono un nome straniero per la propria figlia mentre altri preferiscono seguire la tradizione italiana. Urban Donna – Mamma vi propone alcune opzioni sia italiane che straniere di nomi femminili.

A proposito di nomi femminili, un nome francese molto interessante per bambine è Candice, di origine latina, coniato sulla base dell’aggettivo “candidus” che significa “risplendente e bianco come il metallo portato all’incandescenza”. Solo in una fase successiva nel tempo il nome ha preso il significato astratto di “pura, immacolata”. Un altro nome francese per bambine molto suggestivo è Elodie, che secondo alcune interpretazioni deriverebbe da alodis  ovvero “proprietà” oppure dal greco elodiê, cioè “fiori di campo”.  Secondo altre interpretazioni potrebbe essere una variante di Alodia, nome visigoto che significa “ricchezza”.

>>> Scoprite tutte le novità sul diventare mamma <<<

Per quel che riguarda invece i nomi femminili italiani potrebbe essere una scelta interessante anche Nora, diminutivo di Eleonora, che avrebbe una derivazione greca “colei che ha pietà”, “compassionevole”. Un’altra scelta interessante tra i nomi femminili potrebbe essere Maya che ha differenti origini in diverse culture. In sanscrito significherebbe “illusione”, nella mitologia greca Maia è una delle Pleiadi mentre in quella romana è la dea della primavera, se si prende invece in considerazione l’ebraico significherebbe “acqua”.

Credit Foto:  And-One / Shutterstock

Velvet 3 anticipazioni

Velvet 3 streaming: come rivedere gli episodi che vi siete persi

riforma pensioni novità Cesare Damiano

Riforma pensioni 2016 ultime notizie: donne, pensione di vecchiaia e requisiti anagrafici, Cesare Damiano risponde agli ‘euroburocrati’