in

Novara, il sindaco Ballarè difende il polo di Agognate: “Creerà posti di lavoro”

Il sindaco di Novara Andrea  Ballarè ha colto l’occasione del Primo Maggio per rilanciare il progetto dell’area produttiva e logistica di Agognate (polo di Agognate), recentemente messo in crisi dai guai interni alla maggioranza. Un progetto ambizioso che dovrebbe creare nuovi posti di lavoro.

Ballarè si è rivolto ai sindacati dal palco della manifestazione del Primo Maggio cittadina. In ballo c’è la possibilità di dare a Novara una nuova area industriale. Un provvedimento che, secondo il primo cittadino, produrrà nuovi posti di lavoro. Per questo Ballarè ha chiesto ai sindacati di appoggiarlo.

Secondo il primo cittadino la propria amministrazione ha già fatto molto per dare e garantire lavoro alla città di Novara. Vicinanza ai dipendenti delle tante aziende in crisi, 28 milioni di euro investiti in opere pubbliche in 4 anni, pagamento puntuale dei fornitori, piano urbanistico del parco commerciale di Veveri che dovrebbe produrre almeno 400 posti di lavoro sono i fiori all’occhiello dell’attuale giunta.

Alla manifestazione del 1 maggio erano tanti i dirigenti sindacali di primo piano presenti: Giuseppe Mantovan e Raffaele Arezzi – rispettivamente segretaro generale di Cgil e Uil per Novara e Vco – e Alessio Ferraris (segretario della Cisl Piemonte) su tutti.

 

Novak Djokovic

Tennis, classifica atp: Djokovic sempre al comando, ma niente Madrid

Boca Juniors Bombonera Argentina

Argentina, Superclasico: il Boca batte il River nel finale, Pavon nella storia