in

Novara, rissa davanti ad una discoteca: morto un giovane a coltellate

Doveva essere una domenica sera come tante altre quella di ieri, 25 agosto 2019, eppure si è trasformata in una terribile tragedia. A Borgo Ticino, un paese in provincia di Novara, un ragazzo di 23 anni è stato ucciso a coltellate davanti all’ingresso di un locale dopo una rissa. Per prima cosa è scoppiata la rissa e poi è scaturita l’aggressione. Sul posto sono intervenuti immediatamente sia le forze dell’ordine che i medici del 118. I dottori hanno provato di tutto, ma per il giovane non c’è stato nulla da fare ed è morto. Ora toccherà agli inquirenti svolgere le indagini e cercare di fare chiarezza su quanto accaduto.

Leggi anche –> Maiorca, incidente aereo: scontro tra velivoli, anche un italiano tra i sette morti

Novara, ragazzo muore accoltellato dopo una rissa

Un ragazzo di 23 anni, Yoan Leonardi, stava trascorrendo una serata con gli amici in un locale di Borgo Ticino, in provincia di Novara, quando intorno alle due di notte di lunedì 26 agosto 2019 è stato accoltellato e ucciso. Il giovane, uscito fuori dalla discoteca, è rimasto coinvolto in una rissa nelle vicinanza del locale Aeroplano, in località Campagnola, e una volta finito a terra è stato colpito da più coltellate. L’intervento del personale del 118 è stato immediato, i sanitari hanno cercato di rianimare il ragazzo ancora vivo al loro arrivo, ma per lui non c’è stato nulla da fare. Il giovane è morto lì, poco lontano dal locale a causa delle numerose ferite riportate. Una tragedia immane, che ha gettato nello sconforto un’intera famiglia e una comunità. Al momento le forze dell’ordine stanno svolgendo le dovute indagini per far luce su quanto accaduto e un suo coetaneo è in stato di fermo. Da una prima ricostruzione fatta dagli inquirenti, alla base della rissa e poi dell’omicidio ci dovrebbero essere motivi sentimentali.

La confessione su Facebook

È arrivata da poco la svolta nelle indagini per la morte del giovane 23enne durante una rissa a Novara. La confessione del presunto assassino è giunta attraverso un post su Facebook. Alberto Pastore, 23 anni, ha scritto un post sul suo profilo social per confessare di aver accoltellato il suo amico e coetaneo Yoan Leonardi. Il messaggio del ragazzo recita: «Voglio scusarmi con tutti, ho fatto una cazzata per amore, ho scoperto troppe cose dal mio migliore amico, non potevo continuare in questo modo, sono stato preso in giro. È stata colpa di Yoan Leonardi». Le forze dell’ordine hanno immediatamente fermato il giovane che ora dovrà chiarire diverse cose. La lite è iniziata nel locale per proseguire fuori oppure avevano un appuntamento programmato? Per ora l’unica cosa sicura è che Pastore ha estratto un coltello e ha colpito Leonardi, per poi darsi alla fuga.

Leggi anche –> Villar Perosa incidente stradale, auto contro moto: morta una coppia di Asti

Immagini di repertorio

villar perosa incidente

Villar Perosa incidente stradale, auto contro moto: morta una coppia di Asti

donald trump uragani

Donald Trump, problema uragani? «Bombardiamoli con le armi nucleari!»