in ,

Nuova Zelanda, cartellone pubblicitario choc: fatto con 500 pelli di coniglio

“Rabbit Pizza. Fatta con vero coniglio, come questo cartellone”. Sconvolge il cartellone pubblicitario diffuso nella strade di Auckland, una città della Nuova Zelanda situata sull’Isola del Nord. Ad idearla per promuovere una speciale pizza a base di carne di coniglio, in vista delle festività pasquali, la Hell Pizza, nota catena di pizzerie neozelandese. Una trovata di cattivo gusto, a detta di molti, in quanto per dare nell’occhio e attrarre l’attenzione dei passanti, l’azienda ha pensato bene di realizzare dei cartelloni pubblicitari ricoperti di vere pelli di coniglio, oltre 500 per ognuno di essi.Coniglio selvatico

La New Zealand Vegetarian Society si è subito schierata contro questa discutibile iniziativa, arrivando addirittura a definirla “disgustosa”. Superata l’offesa, comunque, i più sensibili alla causa animalista hanno voluto considerarla come un’occasione per evidenziare l’importanza del cibo che mangiamo e lo stile di vita che adottiamo, un motivo in più per riflettere sulla delicata e controversa questione. In merito alla provenienza delle pelli animali sui manifesti, la Hell Pizza ha presto assicurato i suoi clienti attraverso un messaggio postato nella sua pagina Facebook ufficiale: proverrebbero da aziende di trasformazione delle carni locali e sarebbero un sottoprodotto della lavorazione, di contro alle super pizze pubblicizzate che invece “sono fatte esclusivamente con coniglio selvatico”.

La mattanza dei conigli in nuova Zelanda non è che all’inizio: ogni anno per Pasqua viene infatti organizzata la Great Easter Bunny Hunt, una caccia al coniglio selvatico che inizia il Venerdì Santo a mezzogiorno a Central Otago, dove oltre 300 cacciatori gareggiano a chi sa uccidere il maggior numero di conigli nell’arco di 24 ore.

Papa Francesco

Stasera in Tv: Venerdì Santo all’insegna della Via Crucis, il grande cinema di Luc Besson “The Lady – L’amore per la libertà” e il one man show satirico “Crozza nel Paese delle Meraviglia”

Mondiale 2014: il ct inglese Hodgson teme Pirlo