in ,

Obama, Afghanistan: il dietro front del presidente americano, le truppe americane rimarranno nel Paese

Barack Obama fa dietro front. Le truppe americane resteranno in Afghanistan anche dopo il 2016. Qualche mese fa il presidente americano aveva annunciato, e promesso, il completo ritiro delle forze armate statunitensi dal suolo afgano, a parte un piccolo contingente che sarebbe rimasto a pattugliare l’ambasciata a stelle strisce.

Oggi, in una conferenza stampa ufficiale alla Casa Bianca, Obama ha annunciato che:”in Afghanistan la sicurezza è ancora troppo fragile e da commander in chief non posso permettere che quel Paese diventi un paradiso per i terroristi. Questa leggera ma significativa estensione della missione puà fare la differenza”.

Gli Stati Uniti continueranno dunque ad essere presenti in Afghanistan con 9800 unità, per poi ridurle nel 2016 a 5500; un significativo cambio di programma che alcune indiscrezioni dicono sia nato da mesi di consultazioni con il presidente afgano Ashraf Ghani, il ‘chief executive officer’ Abdullah Abdullah, ed alcuni responsabili della sicurezza militare. Una scelta che potrebbe far ricadere gli Stati Uniti nella politica dell”over – control” su un’area che Obama si era dichiarato pronto ad abbandonare, lasciando tornare a casa i propri connazionali. Ma gli eventi in Medio Oriente degli ultimi mesi, dall’arrivo dell’Isis, al cambio rotta di Assad ora alleato dell’occidente, sino al recente attentato in Turchia hanno certo influito sulla necessità, secondo Obama, di rafforzare la presenza a stelle e strisce nell’area medio orientale.

Dove vedere Bologna Palermo

Dove vedere Bologna Palermo: info orario, diretta tv, streaming gratis e probabili formazioni Serie A 2015-2016

feste del cioccolato da Perugia a Bologna

Feste del cioccolato 2015: 5 eventi, da Perugia a Bologna, per un itinerario goloso