in

Obesità infantile: il sovrappeso comincia nel pancione

Un recente studio di alcuni ricercatori canadesi ha analizzato il peso e le abitudini alimentari di 172 donne in gravidanza e ha dimostrato come coloro che avevano guadagnato un peso eccessivo durante i primi mesi  hanno messo al mondo bambini più pesanti, più lunghi e con più grasso corporeo rispetto ai figli delle donne che o non hanno messo su molto peso oppure ciò è accaduto ma in un secondo momento della gravidanza.

Le partecipanti allo studio erano tutte mamme sane, non-fumatrici, con un indice di massa corporea (BMI) di almeno 18,5 nel periodo tra le 16 e le 20 settimane di gravidanza: un valore ritenuto medio,considerando  che al di sotto si è  troppo magri e, al di sopra di 25, in sovrappeso. Tutte sono state invitate a seguire un programma di esercizi fisici di base di 3-4 allenamenti a settimana, e sono anche state invitate a seguire le linee guida idonee a promuovere un sano aumento di peso durante la gravidanza; tuttavia più della metà delle partecipanti allo studio (il 52%) ha guadagnato un peso eccessivo durante questo periodo.

obesità

I risultati completi dello studio, pubblicati sulla rivista Obstetrics and Gynecology, hanno dimostrato come tutte quelle donne che hanno registrato un sensibile aumento di peso nei primi mesi della gravidanza hanno 2,7 volte più probabilità di dare alla luce bambini più grandi e più pesanti della media,con grasso corporeo eccessivo, superiore al 14%.

Margie Davenport, coautrice dello studio, esorta tutte le donne in dolce attesa a seguire una dieta sana ed equilibrata, ed inoltre svolgere costantemente un’adeguata attività fisica.

Written by Emanuela Abate

Nata ad Avellino, studentessa di Giurisprudenza all'Università di Salerno. Diplomata in danza classica, si interessa di tecnologia, scienze, moda e questioni economico-sociali.
Grande appassionata di basket, amante dello sport ed interessata ai Social Network.

E’ morto Dennis Farina, l’attore che si divideva tra tv e cinema

Wi-Fi pubblico torna libero, decreto fare cambiato in extremis