in ,

Offerte di lavoro all’estero: in Corea del Nord basta poco per un contratto duraturo

La crisi economica si fa sentire e sono sempre di più gli occidentali che sperimentano nuove opportunità in giro per il mondo. In questo articolo, ecco alcune offerte di lavoro all’estero, in Corea del Nord. Vi raccontiamo la storia di due americani che hanno trovato molto facilmente un “contratto” di lavoro con Pyongyang. Tra i 6 e i 15 anni di lavoro all’estero garantiti.

corea del nord americani ai lavori forzati

I nostri due protagonisti sono arrivati in Corea del Nord nelle vesti di semplici turisti. Prendiamo Metthew Miller: lo scorso aprile è atterrato con le migliori intenzioni nel paese asiatico. Appena arrivato sul territorio coreano ha messo in atto tutte le pratiche burocratiche per ottenere un duraturo lavoro nel paese orientale: ha strappato il visto chiedendo asilo. A differenza della retrograda Italia, il governo nordcoreano ha subito accelerato le operazioni per mettere sotto contratto Miller. Lo ha arrestato e, nel giro qualche mese, lo ha condannato a sei anni di lavori forzati. Sul suo contratto è specificato che si è travestito da turista e ha compito “atti ostili contro il governo di Pyongyang”. Le pratiche di processo sono durate un’ora e mezza e non è previsto appello.

Ancora meglio è andata al connazionale Kenneth Bae: lui di anni di lavori ne ha addirittura presi 15, con la specifica di “voler rovesciare il governo”. Ora la diplomazia americana si vuole mettere in mezzo per cercare di riportare a casa i due brillanti ragazzi, esempio di come, se si vuole, è possibile diventare imprenditori di sé stessi in giro per il mondo.

Anticipazioni Beautiful lunedì 15 settembre: la verità su Ridge

Anticipazioni Centovetrine lunedì 15 settembre: il grande ritorno della soap opera italiana