in

Offerte di lavoro per laureati in Giurisprudenza 2016: occasioni per praticanti avvocati e non solo

Vi siete appena laureati in Giurisprudenza e cercate occasioni per poter svolgere il praticantato? Siete avvocati e cercate uno studio legale dove svolgere la professione? Ecco le occasioni da non perdere per l’anno 2016.

È stato indetto, da parte del Comune di Torino, un concorso allo scopo di inserire presso il Servizio Centrale Avvocatura, 3 praticanti avvocato. I requisiti per poter accedere alla selezione sono: essere in possesso della cittadinanza italia o di uno degli stati membri dell’Unione Europea, laurea in Giurisprudenza con una votazione non inferiore a 102/110, età massima 28 anni, non aver già svolto periodi di praticantato superiori a 6 mesi e conoscenza del pacchetto office e di internet. La retribuzione sarà pari a 450 euro al mese per un periodo di 12 mesi. La domanda deve essere compilata attraverso il form online, mentre il CV dovrà essere inviato al seguente indirizzo e-mail lavorotemporaneo@comune.torino.it. La scadenza del Bando è fissata al 7 aprile 2016.

L’agenzia Gi Group con sede a Piazza IV Novembre, 5 Milano è alla ricerca di una figura da inserire come praticante avvocato nell’ambito del recupero crediti. I requisiti per potersi candidare sono: proattività, esperienza nella mansione e precisione. Sarà previsto un percorso formativo all’interno dell’azienda. La retribuzione annua oscillerà dai 15 ai 18 mila euro. Lo studio legale Giuseppe Cassone sito a Milano – Via Marcona 49 (traversa Viale Piceno) ricerca, invece, un giovane laureato in Giurisprudenza esperto di Diritto del Lavoro. Si richiede buona conoscenza scritta e parlata della lingua inglese, conoscenza del pacchetto office e di internet ed esperienza diretta nel ruolo di minimo 2 anni.

->CLICCA QUI SE VUOI CONOSCERE ALTRE OFFERTE DI LAVORO

Photo Credit: Andrey Popov/Shutterstock.com

Biglia Lazio-Bologna highlights

Calciomercato Milan: “Resto in Italia”, le parole di Biglia aprono ai rossoneri

fb

Sapere chi visita il profilo Facebook: i metodi più efficaci per scoprire chi ci ‘spia’ tra gli amici