in

Oli naturali e idratanti per pelle secca: ecco i benefici

Sono stati a lungo sottovalutati a causa della predilezione per le creme idratanti, eppure il loro effetto è sicuramente migliore rispetto alle creme: gli oli naturali non solo idratano di più, dato che la loro composizione è simile a quella della nostra pelle, ma proteggono la pelle e stimolano la produzione di collagene. Non tutti sanno che, oltre ad idratare, gli oli naturali portano anche altri numerosi benefici, che si differenziano a seconda del tipo di olio scelto, in quanto ne esistono molti tipi.

olio nat

Uno degli oli più utilizzati è l’olio di rosa mosqueta. Quest’olio, ricco di vitamina A, si prospetta come un ottimo rimedio per: inestetismi come le smagliature, cicatrici da acne e gli inestetismi del tempo, inoltre riduce il colore grigio della pelle e funge da peeling per l’eliminazione delle cellule morte.

Per quelle pelli che, invece, tendono a screpolarsi e sono particolarmente secche, sarà più adatto l’olio di baobab, in quanto, essendo ricco di acidi grassi e vitamina E, nutre a fondo la pelle. Chi, al contrario, si ritrova una pelle mista o grassa, deve scegliere l’olio di vinacciolo, ottimo rimedio per questo tipo di cute e, in più, rassodante e benefico anche per la circolazione, grazie al suo contenuto di vitamina F e omega 3 e 6.

Applicare gli oli è semplice, di solito ne bastano poche gocce,che vanno massaggiate sulla parte interessata a pelle asciutta. Ma, nonostante i numerosi effetti benefici, gli oli naturali hanno qualche “limite”. Sicuramente essi sono meno economici delle creme idratanti, specialmente quelli più pregiati e prodotti da aziende specifiche, che superano anche i 40 euro. L’altro inconveniente è l’odore, dato che spesso questi oli hanno un odore molto forte ed intenso, anche se ne esistono oli, come quello di riso, che sono inodore. Basta solo saperli scegliere, dato che ognuno di essi ha un suo specifico carattere e numerosi vantaggi.

Seguici sul nostro canale Telegram

Stasera in tv Harry Potter e la pietra filosofale, Italia’s Got Talent e Alberto Sordi

Alla ricerca del lavoro perduto