in

Olimpiadi Rio 2016 Beach Volley: Lupo-Nicolai in finale ed è subito storia

La coppia Daniele Lupo e Paolo Nicolai è destinata a regalarci emozioni incredibili a queste Olimpiadi di Rio 2016. Già, perché i professionisti azzurri del beach volley, nella notte, hanno agguantato una storica finale battendo i russi in una semifinale che sembrava non volesse finire più: mai prima d’ora infatti l’Italia era arrivata fra le prime quattro al mondo. Adesso ad attendere i due italiani sono i padroni di casa Alison e Bruno Smith, nonché campioni del mondo in carica.

CLICCA QUI PER TUTTE LE INFORMAZIONI SULLE OLIMPIADI RIO 2016

Una partita di sofferenza, attaccamento e voglia di non mollare mai. Tutto questo può descrivere la prestazione di Daniele Lupo e Paolo Nicolai, intervistati tempo fa dalla nostra redazione durante la quale raccontavano di sognare l’oro alle Olimpiadi, contro i russi Semenov e Krasilnikov. Nel primo set gli azzurri sono andati in balia degli avversari che costringono spesso la coppia italiana all’errore. Errori che costano cari perché non sono riusciti a fermare la coppia avversaria regalando di fatto il primo parziale.

Nel secondo set di questo fantastico match di beach volley alle Olimpiadi di Rio 2016, però, l’Itala sa reagire ed è riuscita a prendere il break quasi subito difendendolo fino alla fine e chiudendo il secondo parziale su un pirotecnico 21-23. Nel terzo set, invece, le cose sembravano essersi messe male già in partenza: due errori in battuta e un out di Lupo, infatti, avevano fatto ben sperare i russi. Ma lo spirito azzurro non è calato di un centimetro e dal 6-8 si è riusciti a tornare sull’8-8. Lupo-Nicolai poi si sono portati sul 12-10 fino a chiudere sul definitivo 16-14. Una finale meritatissima!

RIMANI AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS DI SPORT CON URBANPOST

Foto: Daniele Lupo @Facebook

roma albero cade su auto

Incidente ad Agrigento, morto bimbo di 8 anni: era alla guida di un ciclomotore

android marshmallow

Aggiornamento Android, statistiche agosto 2016: Lollipop vince con una percentuale del 35,5%