in ,

Olio di palma fa male? Perché è meglio evitarlo

L’olio di palma fa male? Perché sarebbe meglio evitarlo? Quali sono i danni che può provocare e perché viene tanto demonizzato negli ultimi tempi? Con UrbanBenessere – Alimentazione cerchiamo di rispondere con ordine a queste domande fornendo un po’ di delucidazioni.

Il 13 dicembre 2014 è entrato in vigore l’obbligo della specificazione nelle etichette della presenza o meno dell’olio di palma, mentre prima bastava scrivere, generalmente, “olii vegetali“. L’ampio uso che giustifica l’utilizzo di questo olio è il suo basso costo di produzione e la sostituzione agli acidi grassi trans (come ad esempio la margarina), acidi particolarmente dannosi che possono favorire l’arteriosclerosi e disturbi cardiovascolari. L’olio di palma, però, è costituito principalmente da acido palmitico (50% nell’olio di palma, derivato dai frutti e 80% nell’olio di palmisto, derivato dai semi), che è un acido grasso saturo a 16 atomi di carbonio che può favorire anch’esso l’arteriosclerosi e, nei bambini (spesso golosi di cibi confezionati) ne promuove l’obesità e l’insulinoresistenza.

L’olio di palma è molto diffuso tra gli alimenti e la cosmesi perché costa poco e rende molto, e risulta semi-solido a temperatura ambiente, di facile utilizzo, quindi, per la preparazione di creme e saponi. È componente principale anche in molti prodotti biologici e,per motivi di business, i produttori tendono ad evidenziarne le sole caratteristiche positive, quali i nutrienti come la vitamina A, E, il coenzima q10, lo squalene ed il magnesio; sta quindi alle persone scegliere se vedere solo la faccia della medaglia che mettono in luce le industrie, oppure cercare anche l’altra, tenuta in penombra perché “scomoda”. L’olio di palma non viene usato solamente negli alimenti e nella cosmesi, ma anche come biodisel: un biocarburante definito “non ecologico” in quanto la sua produzione è causa di emissioni di CO2 dato che per la coltivazione di palme da olio vengono incendiate foreste carboniose. La coltivazione di palme da frutto è una delle principali cause di deforestazione della foresta pluviale, che, oltre ad essere un paradiso di biodiversità, è il polmone verde più grande nel nostro pianeta. Ecco perché, forse, sarebbe meglio evitare il consumo dell’olio di palma.

startup italia digital events

Startup Italia, Digital Events: dall’integrazione di Smappo e Plannify, il nuovo event network italiano

depressione prevenzione bracciale

Vercelli, indotto al suicidio dai colleghi: 26enne si toglie la vita