in ,

Omicidio Antonella Lettieri, chi è il presunto assassino: sconvolgenti immagini della folla che tenta di linciarlo (FOTO)

Antonella Lettieri: arrestato il vicino di casa

Omicidio Antonella Lettieri, arrestato il vicino di casa Salvatore FuscaldoÈ successo tutto nella tarda serata di ieri, 16 marzo: l’uomo, Salvatore Fuscaldo, bracciante agricolo di 50 anni, è stato prelevato dalla sua abitazione e condotto in caserma dai Carabinieri. L’auto delle forze dell’ordine è stata letteralmente assaltata dalla folla inferocita, che voleva linciarlo. Ad inchiodare Fuscaldo – indagato dalla prima ora insieme alla moglie e ad un 42enne corteggiatore della vittima – delle tracce di sangue sui suoi indumenti, sequestrati insieme ad altro materiale e da ieri sotto esame da parte dei Ris di Messina.

Le tracce di sangue sugli abiti e all’interno della sua auto rinvenute dalla Scientifica e analizzate nella giornata di ieri: questi gli elementi che hanno fatto scattare l’arresto del vicino di casa della vittima. Glaciale di fronte ai Carabinieri, in Caserma l’indiziato ha fatto scena muta. Nemmeno una parola. L’uomo ha solo accennato un ghigno quando durante il trasporto in carcere la folla inferocita ha letteralmente assalito l’auto dei carabinieri sulla quale era seduto gridando “Assassino! Devi morire!”Qualcuno ha frantumato il lunotto posteriore dell’auto dei carabinieri per dargli addosso: Rabbia e sete di giustizia per gli abitanti di Cirò Marina, cittadina del Crotonese letteralmente sconvolta da quanto accaduto alla commessa 42enne barbaramente assassinata in casa la sera dell’8 marzo.

Delitto Cirò Marina, la pista del movente economico

Salvatore Fuscaldo potrebbe avere ucciso mosso da un movente economico, ipotizzano gli inquirenti. Forse legato a un prestito che la ragazza, migliore amica di sua moglie, che frequentava assiduamente la loro casa, gli aveva fatto. E la casa della vittima messa a soqquadro in realtà potrebbe non essere una messinscena: il presunto assassino potrebbe aver cercato qualche documento importante dopo il delitto. Mille euro in contanti che Antonella Lettieri custodiva in un cassetto sono stati trovati lì al loro posto. Il killer non li ha presi.

>>> Omicidio Antonella Lettieri Cirò Marina, armi delitto: ricerche nella pineta sul Lungomare <<<

Omicidio Antonella Lettieri: movente passionale?

Tuttavia non si esclude nemmeno il movente passionale: si presume infatti che Fuscaldo si fosse invaghito della 42enne e che lei lo respingesse. Forse l’ennesimo rifiuto della ragazza ha fatto scattare la sua furia omicida. Secondo quanto emerso finora dalle indagini, è presumibile che la ragazza abbia trovato il suo assassino già in casa quando è rientrata dal lavoro. Antonella Lettieri è stata aggredita con ferocia inaudita: colpita che dodici coltellate all’addome e alle braccia, è stata poi tramortita con altrettanti colpi alla testa inferti con un oggetto contundente. Le due presunte armi del delitto non sono state ancora identificate.

Francesco, cognato della vittima, questa mattina in collegamento a Mattino 5 ha confermato che Salvatore Fuscaldo andava spesso nel supermercato dove Antonella lavorava come commessa, manifestando un particolare interesse per la ragazza. “Questo è un bastardo, non so in quale altro modo devo chiamarlo! Siamo contenti che la gente di Cirò ieri sera abbia reagito così”.

Ecco le sconvolgenti immagini tratte da Mattino 5 della folla che tenta di linciare il presunto assassino Salvatore Fuscaldo:

Pronostici Serie A

Pronostici Serie A calcio oggi 1X2, consigli scommesse 29a giornata

Amici 16 Andreas Muller vorrebbe abbandonare la scuola

Amici 16 Andreas Muller al Serale: ecco le parole del ballerino in lacrime (VIDEO)