in

Omicidio Elisa Pomarelli: Sebastiani lo ha fatto sul suo cadavere per giorni, nuovo orrore

Delitto di Piacenza, Elisa Pomarelli: il killer ha vegliato il suo cadavere per giorni, teneva la mano della ragazza, ormai senza vita. Non riusciva a separarsi da lei dopo averla barbaramente strangolata nel suo pollaio, dove l’aveva condotta dopo il pranzo insieme in agriturismo. Questa l’ennesima sconcertante indiscrezione sul delitto di Piacenza. Massimo Sebastiani si sarebbe sbarazzato del suo corpo solo dopo giorni e giorni di latitanza, poco tempo prima di essere arrestato.

Massimo Sebastiani durante la sua confessione avrebbe raccontato di aver dormito accanto alla 28enne dopo averla strangolata. Per alcune notti l’uomo avrebbe vegliato il cadavere della donna, tenendole la mano e dormendole vicino. Erano amici da tre anni ed Elisa per lui era diventata una ossessione. Il suo amore non corrisposto non è riuscito a fare i conti con l’ennesimo rifiuto della donna il giorno del delitto, avvenuto lo scorso 25 agosto.

C’è pure un video che ha ripreso quei drammatici momenti. Si tratta del filmato dalla telecamera di sorveglianza di una ditta a pochi metri dall’abitazione del killer, poco distante dal pollaio. Nelle immagini si vedono Elisa e Sebastiani che discutono animatamene, entrano ed escono più volte dal pollaio, poi il killer esce tenendo in braccio il corpo senza vita della povera ragazza. Sebastiani, indagato per omicidio e occultamento di cadavere, è ora in carcere nella sezione protetta e sorvegliato a vista per timore che possa commettere un gesto estremo. Arrestato anche l’ex suocero di Sebastiani, Silvio Perazzi, accusato invece di favoreggiamento per aver aiutato il killer nei 14 giorni di fuga. Nelle prossime ore sarà eseguita l’autopsia sul cadavere di Elisa Pomarelli.

Leggi anche: Delitto di Piacenza, Elisa Pomarelli: come è stata uccisa e perché, nuovo retroscena

Eleonora Pedron Instagram, intrigante a Venezia: «Me vien voja de far el gondolier!»

11 settembre anniversario

11 settembre anniversario: dal 2001 sono morti 200 pompieri