in ,

Omicidio Garlasco Andrea Sempio news: perché non è lui ad avere ucciso Chiara Poggi

Omicidio Garlasco Andrea Sempio prosciolto: nessun movente e nessun possibile accertamento scientifico sul materiale biologico che fu trovato sulle unghie di Chiara Poggi. Anche per queste due importanti motivazioni ieri il gip di Pavia, Fabio Lambertucci, ha accolto la richiesta di archiviazione a carico di Andrea Sempio avanzata dalla Procura, che aveva iscritto il 28enne di Garlasco nel registro degli indagati come atto dovuto, a seguito dell’esposto presentato dai legali di Alberto Stasi.

Poco plausibile e non avallato da elementi oggettivi l’ipotetico invaghimento del giovane, al tempo molto più giovane della 25enne Chiara Poggi. A smentire siffatta possibilità anche il fratello della vittima, di cui Sempio era ed è amico. “Non si comprende” – ha scritto il Gip nella sua ordinanza di archiviazione – “per quale assurdo motivo Sempio avrebbe dovuto, senza compiere alcun tentativo di avvicinamento alla ragazza, ucciderla con modalità così brutali ed efferate”. Le modalità dell’omicidio, si spiegano inoltre “solo con un prolungato rapporto di quotidiana intimità, di cui non c’e’ traccia nelle evidenze probatorie con riguardo ai rapporti tra Chiara Poggi e Andrea Sempio”.

>>> Omicidio Garlasco Andrea Sempio prosciolto: il commento dei genitori di Chiara Poggi <<<

Prosciolto da ogni accusa, Andrea Sempio, così come annunciato dai suoi difensori, si riserva “ogni migliore azione a tutela dell’immagine e dell’onorabilità del signor Sempio”, lasciando presagire il ricorso alle vie legali per i danni arrecati alla sua immagine. Dal canto loro gli avvocati di Alberto Stasi, Fabio Giarda e Giada Bocellari, hanno fatto sapere che porteranno avanti la loro istanza chiedendo la revisione del processo, che vede il loro assistito condannato in via definitiva a 16 anni di carcere per il delitto.

“Caravaggio Experience” Torino, Venaria Reale: date, biglietti e orari della mostra

Pensioni 2018 accredito giugno

Pensioni 2017 news: pensione anticipata gratuita per chi assiste un disabile