in ,

Omicidio Garlasco: nuove perizie concluse, il punto della situazione sulle indagini

Lunedì 22 settembre scadrà il termine ultimo stabilito dai giudici per la consegna delle nuove perizie disposte lo scorso 30 aprile, quando fu riaperto il caso sull’omicidio di Garlasco, che costò la vita alla giovane Chiara Poggi. Tutto ruota attorno alla presunta colpevolezza – ancora da dimostrare – dell’unico indagato, Alberto Stasi. Il confronto sugli esiti peritali avrà luogo all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna; presenti i periti nominati dalla Corte d’Assise d’appello di Milano, i consulenti di accusa, difesa e parte civile.Alberto Stasi indagato per delitto Chiara Poggi

In merito emerge già qualche indiscrezione. La prima è quella che riguarda l’individuazione della marca e del modello di scarpa riconducibile all’impronta di sangue che l’assassino lasciò sul luogo del delitto, finora mai trovata. Si tratta di una suola di scarpe a pallini, che gli inquirenti confronteranno con alcune foto dell’indagato, per capire se al tempo dell’omicidio fosse in possesso delle calzature in oggetto. Per ciò che concerne l’esame sui margini ungueali di Chiara, nessuna novità, giacché le tracce di cromosoma maschile Y trovate, sono solo parzialmente compatibili con il Dna di Stasi.

L’attenzione è invece rivolta al nuovo esperimento virtuale che ha riprodotto la camminata dell’allora fidanzato di Chiara, quando entrò nella villetta e – a suo dire – trovò la ragazza esanime in fondo alle scale. I suoi passi saranno ricostruiti virtualmente e vagliati attentamente dai periti chiamati in causa. Il test, effettuato durante le indagini per il processo di primo grado, è stato ripetuto perché ora ha potuto giovare di uno speciale laser scanner che ha permesso maggiore precisione nella misurazione degli interni della villetta teatro dell’omicidio. Qual è lo scopo degli inquirenti? Appurare se sia possibile che sulle suole delle scarpe indossate da Stasi quel 13 agosto 2007 – e consegnate alla polizia il giorno dopo il delitto – non sia rimasta nemmeno una traccia di sangue, benché lui stesso abbia sempre raccontato di avere calpestato il pavimento sporco di sangue.

mazzarri allenatore inter

Palermo – Inter: le ultime notizie dal Renzo Barbera

insonnia bambini tecnologia rimedi

Insonnia bambini: rimedi dei cinque sensi, no tecnologia e alimentazione scorretta