in ,

Omicidio Gianna Del Gaudio: Antonio Tizzani “poco credibile”, parlano gli inquirenti

Le indagini sull’omicidio di Gianna Del Gaudio sempre più vicine ad una svolta. Questo il clima che trapelerebbe dagli ambiti investigativi.

Gli indizi emersi finora sembrano portare tutti nell’unica direzione della pista familiare, e ad Antonio Tizzani, 68enne ferroviere in pensione, marito della vittima ed unico indagato a piede libero per l’omicidio. La posizione dell’uomo, che si dichiara innocente, sarebbe sempre più compromessa, soprattutto alla luce di quanto dichiarato dal procuratore capo di Bergamo titolare delle indagini, Walter Mapelli, che durante un intervenuto a BergamoTV per fare il punto sul delitto di Seriate, parlando di Tizzani ha definito “poco credibile” la versione dei fatti fornita dall’uomo, che parlò da subito di un (ad oggi fantomatico) “uomo incappucciato” visto scappar via subito dopo il delitto, avvenuto la notte tra il 26 e 27 agosto scorso.

Leggi anche: Omicidio Gianna Del Gaudio indagini: indiscrezioni sull’altro figlio, Mario Tizzani

“Molte incongruenze” nella ricostruzione dei fatti fanno di Tizzani il sospettato numero uno, e dopo più di un mese di indagini le cose per lui non sembrano mettersi affatto bene, in quanto dell’uomo incappucciato non è stato trovato alcun riscontro oggettivo. La Procura continua le indagini volte a ricostruire il possibile movente del delitto, che sarebbe maturato all’interno dell’ambiente familiare in quanto, nonostante l’apparenza facesse pensare ad un rapporto di coppia idilliaco, tra Gianna Del Gaudio e il marito Antonio Tizzani pare vi fosse un rapporto turbolento, come proverebbero diverse testimonianze di conoscenti e amici ritenute attendibili dagli inquirenti.

Seguici sul nostro canale Telegram

rebel cuffie

Cuffie Bluetooth wireless economiche, per sport e smartphone: quali scegliere in negozio, trend e funzionalità

Black Friday 2016 Italia, che giorno è? Data e offerte migliori