in ,

Omicidio Gianna Del Gaudio, il giallo del coltello sequestrato al marito: il figlio Paolo smentito dagli inquirenti

Venerdì pomeriggio 23 settembre, gli inquirenti che indagano sul delitto di Gianna Del Gaudio avevano sequestrato al marito della donna un coltello a serramanico lungo circa 20 centimetri, compatibile – stando alle indiscrezioni – con l’arma usata dal killer per uccidere la professoressa 63enne esattamente un mese fa, il 27 agosto scorso poco dopo la mezzanotte.

L’uomo lo teneva nel marsupio, riposto nella camera da letto in casa del figlio Paolo, distante 30 metri dalla sua e dove si è trasferito a vivere da quanto la moglie è stata uccisa. L’Eco di Bergamo a tal riguardo riferisce che gli inquirenti avrebbero smentito quanto dichiarato da Paolo Tizzani poco dopo il sequestro, ovvero che quel coltello “era nel borsello che i carabinieri gli hanno sequestrato il primo giorno e poi restituito”.

Leggi anche: Omicidio Gianna Del Gaudio news: coltello sequestrato al marito, nuovi particolari

Il procuratore Walter Mapelli avrebbe infatti negato siffatta circostanza, asserendo che agli investigatori non risulta che il coltello a serramanico fosse nel borsello di Tizzani durante il primo sequestro. Si ipotizza addirittura che Antonio Tizzani, unico indagato come atto dovuto per l’omicidio, abbia in un primo momento nascosto l’arma, per poi riporla solo successivamente all’interno del marsupio, sicuro del fatto che nel borsello gli inquirenti avessero già controllato. Le analisi della scientifica su quel coltello presto potrebbero dare risposte di determinante importanza per l’andamento delle indagini.

Dove vedere Dinamo Zagabria Juventus

Dove vedere Dinamo Zagabria – Juventus: ora diretta tv, streaming gratis Champions League

mostre bologna autunno 2016 palazzo fava

Mostre Bologna autunno 2016: a Palazzo Fava “Bologna dopo Morandi”,