in ,

Omicidio Gianna Del Gaudio: news ciocca capelli, nuova perquisizione in casa Tizzani

L’omicidio di Gianna Del Gaudio è ancora avvolto nel mistero. In attesa di risultati certi e concreti da parte della Scientifica, che sta analizzando i reperti recuperati sulla scena del crimine (la villetta di Seriate dove la vittima abitava insieme al marito, Antonio Tizzani, unico indagato per il delitto) solo ipotesi, supposizioni, interrogativi senza risposta. Le ultime notizie sul caso poco fa a Pomeriggio 5: i carabinieri del Nucleo investigativo di Bergamo oggi alle 15 sono entrati (questa è la terza perquisizione) nella villetta del delitto, a Seriate. Con loro anche Antonio Tizzani e il figlio Paolo. Il sopralluogo è durato circa un’ora e mezza, gli inquirenti avrebbero portato via un sacco con all’interno diversi oggetti. Cosa in realtà cercassero dentro l’abitazione non è dato sapere.

Uno su tutti: a chi appartiene il Dna maschile ignoto rinvenuto sui guanti in lattice contenuti nel sacchetto di plastica che custodiva anche il cutter insanguinato arma del delitto? E perché quello stesso Dna non si trovava anche sul sacchetto che lo conteneva e che, presumibilmente, chi lo ha nascosto nella siepe aveva maneggiato? Insieme a quegli oggetti anche formazioni pilifere che, lo si è appreso qualche istante fa durante la diretta di Pomeriggio 5, sarebbero capelli: una ciocca di lunghi capelli che sarebbero stati strappati, non tagliati. Il che fa ipotizzare che si tratti di capelli della vittima, e che il suo assassino, che secondo l’autopsia l’avrebbe colpita alle spalle, l’abbia presa per i capelli prima di sgozzarla.

Leggi anche: Omicidio Gianna Del Gaudio news: nuova testimonianza contro il marito indagato

Al momento gli elementi in mano agli investigatori allontanano i sospetti nei confronti del marito, il cui profilo genetico non è stato ritrovato su guanti ed arma del delitto. Che possa davvero esistere l’uomo incappucciato di cui ha parlato Tizzani? O si tratta di qualcuno che odiava la povera Gianna al punto da volerla morta? Sarebbe di questo avviso il figlio minore della vittima, Paolo Tizzani, le cui dichiarazioni è il settimanale Giallo a riportare: “Qualcuno in famiglia ce l’aveva con mia mamma, bisogna capire se si tratta proprio dell’assassino…” – ha detto il 31enne – “Io non accuso nessuno, dico solo che qualcuno odiava la mamma”, ha detto senza tuttavia fare un nome preciso. Ci si augura che se non ai giornalisti, Paolo Tizzani abbia riferito almeno agli inquirenti il nome della persona alla quale ha fatto riferimento.

Amici 16 cast professori canto

Amici 16 anticipazioni: Boosta dei Subsonica è il nuovo professore di canto

Sara Cardin intervista karate

Sara Cardin karate, intervista Facebook live venerdì 3 novembre su UrbanPost