in ,

Omicidio Giulia Ballestri news indagini: ci sarebbe un secondo indagato

Lunedì la polizia Scientifica, i periti incaricati dal Gip e gli inquirenti titolari delle indagini sull’omicidio di Giulia Ballestri sono tornati nella villetta degli orrori, a Ravenna, dove lo scorso 16 settembre la 39enne è stata barbaramente assassinata a colpi di bastone al volto e al torace.

Il sopralluogo era finalizzato a cristallizzare tutti gli elementi indiziari (tracce di sangue e biologiche) in mano alla Procura attraverso un incidente probatorio in vista del possibile rinvio a giudizio di Matteo Cagnoni, il 51enne noto dermatologo, marito della vittima e unico indiziato per l’omicidio.

Il medico è rinchiuso nel carcere di Firenze Sollicciano, accusato di omicidio pluriaggravato dalla premeditazione e dalla crudeltà; nei suoi confronti il Tribunale del Riesame di Bologna nei giorni scorsi ha rigettato l’istanza di scarcerazione. Cagnoni si professa innocente anche se, alla luce di recenti indiscrezioni, sulla scena del crimine sarebbero state rinvenute tre impronte digitali su diverse macchie di sangue, impronte che apparterrebbero proprio a lui.

Leggi anche: Ravenna omicidio Giulia Ballestri: 3 impronte del marito su tracce sangue in villa delitto

Sul caso vi sarebbero ulteriori novità, benché al momento si tratti solo di un’indiscrezione giornalistica. Una seconda persona sarebbe stata iscritta nel registro degli indagati: il padre di Matteo Cagnoni. L’uomo sarebbe indagato per favoreggiamento, a darne notizia è Quarto Grado attraverso questo post sulla sua pagina Facebook: “Delitto Giulia Ballestri. Indagato per favoreggiamento il padre del dermatologo Matteo Cagnoni”.

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Roma Viktoria Plzen probabili formazioni

Roma – Austria Vienna probabili formazioni e ultime news Europa League

Motivi e informazioni sul licenziamento per giusta causa

Licenziamento per giusta causa: preavviso, Naspi, motivi e informazioni utili