in ,

Omicidio Giulio Regeni ultime notizie: torturato per 7 giorni ma il governo egiziano smentisce

Dopo giorni di silenzio arrivano nuove indiscrezioni riguardo l’omicidio del ricercatore italiano Giulio Regeni, il giovane friulano scomparso lo scorso 25 gennaio e ritrovato il 4 febbraio in un fosso alle porte de Il Cairo; sarebbero arrivate infatti le prime informazioni riguardo l’autopsia sul corpo dell’italiano che rivelerebbero una tortura prolungata di 7 giorni.

Le ferite trovate sul cadavere di Giulio Regeni infatti indicherebbero torture fatte ad intervalli regolari di 10-14 ore, particolare che indica una sorta di interrogatorio volto ad ottenere delle informazioni dal ricercatore italiano, così come riferiscono le fonti della procura egiziana che cita direttamente il dipartimento di Medicina legale egiziano.

Il governo de Il Cairo però ha subito smentito le informazioni che sono comparse rapidamente su tutti i principali quotidiani italiani, con il Ministero della Giustizia egiziano che ha definito “destituite di qualsiasi fondamento” le informazioni trapelate riguardo gli esiti dell’autopsia sul corpo di Regeni. “Questa notizia pubblicata dai media che citano la deposizione di Abdel Hamid davanti alla Procura è menzognera” afferma il portavoce del ministro, Shaaban El Shami che ha continuato mettendo in guardia i media affinché non pubblichino “notizie che provengono da fonti che vogliono deformare la realtà per scopi politici e che non hanno nulla a che fare con la verità”.

Pasqua 2016: offerte low cost per Praga, New York e la Sicilia

rosberg Gp Spa-Francorchamps gara

Formula 1 2016, test Montmelò: Rosberg vola, 2° Raikkonen che poi si ferma in pista