in ,

Omicidio Isabella Noventa news: Debora Sorgato racconta la sua verità in una lettera agli inquirenti

Isabella Noventa omicidio: parla Debora Sorgato

A un anno dalla scomparsa di Isabella Noventa, Debora Sorgato rompe il silenzio sulla notte del 16 gennaio 2016. La donna, implicata nel delitto della segretaria di Albignasego così come il fratello Freddy e l’amica Manuela Cacco, non aveva mai parlato fin d’ora. Lo ha fatto qualche settimana fa ma solo dopo aver appreso di essere stata rinviata a giudizio, alla sua maniera: niente colloquio con il pm titolare delle indagini, Giorgio Falcone, ma mettendo nero su bianco su un pezzo di carta la sua versione dei fatti sulla notte del delitto.

“Quella sera mentre Isabella veniva uccisa, io stavo dormendo a casa mia…”, scrive così Debora, ribadendo la sua innocenza, nella lettera spedita dal carcere agli inquirenti. “All’una e trenta, quando mi sono svegliata e mi sono ricordata di avere lasciato il telefono cellulare e la borsa all’interno della Golf….”, la Sorgato racconta di essersi rivestita per tornare a piedi attraverso i campi nella villa di Freddy e qui ha visto le luci accese: “Mio fratello è uscito e mi ha chiesto di seguirlo in auto perché doveva accompagnare Cacco in centro a Padova, ma poi doveva subito andare via e io dovevo dare un passaggio di ritorno a Manuela …”.

Debora Sorgato conferma la versione di Freddy

Una lettera di due pagine scritte in stampatello su fogli a righe, per confermare la versione dei fatti fornita dal fratello Freddy (gioco erotico finito in tragedia) e chiamarsi completamente fuori dal delitto: le due auto dei fratelli Sorgato, l’Audi A6 di Freddy e la Golf di Debora, si mettono in viaggio, ma la donna racconta di aver perso per strada quella del fratello e di averlo per questo motivo chiamato al cellulare. Lo riporta Il Mattino di Padova. Freddy non le risponde e allora Debora telefona alla Cacco che invece le risponde. La fa salire sulla Golf e la accompagna alla discoteca Relax, dove la tabaccaia veneziana non vede tra le macchine parcheggiate quelle di alcuni suoi amici.

A quel punto cosa accade? Debora Sorgato proprio in quel momento riceve una telefonata da Freddy che le chiede di accompagnare Manuela a casa sua. “La sorella esegue e una volta scaricata la tabaccaia in via Sabbioni a Noventa, torna a casa, a letto. Questa è la sua verità”.

Isabella Noventa: l’ex marito fa un’ipotesi inquietante

L’ex marito di Isabella Noventa, Piero Gasperini, non ha mai creduto al gioco erotico finito in tragedia quale causa della morte di Isabella. E lo ha detto chiaro e tondo in una intervista esclusiva rilasciata al settimanale Oggi. Per lui dietr questo omicidio premeditato ci sarebbe qualcosa di più grosso e scottante: “Un segreto enorme negli affari di Freddy o aver visto qualcuno di importante che non doveva apparire nei loschi traffici del suo fidanzato” di cui la donna sarebbe venuta a conoscenza e per questo ‘fatta sparire’. E la firma della Mala del Brenta. Questi ed altri ancora oscuri aspetti verranno presto sviscerati nell’ambito del processo a carico del diabolico trio. I fratelli Sorgato e Manuela Cacco saranno infatti processati per omicidio premeditato. La tabaccaia anche per stalking ai danni della vittima e simulazione di reato. L’udienza preliminare è fissata per il prossimo 1° febbraio.

Chiara Ferragni Quanto Guadagna

Chiara Ferragni quanto guadagna? Ecco cosa sappiamo sulla fidanzata di Fedez (FOTO)

concorso assistenti giudiziari

Concorso Assistenti Sociali Marche 2017: bando ad Ancona, requisiti e scadenze